Il Comune: "Con Formula Ambiente rapporti trasparenti e con bandi pubblici"

La precisazione viene dopo recenti notizie sul caso 'Mafia capitale', che lambiscono Cesena in quanto le cooperative romane finite nel mirino dell'inchiesta giudiziaria erano socie del Consorzio Formula Ambiente. Il consorzio proprio lunedì pomeriggio le ha estromesse

Che rapporti ha avuto il Comune di Cesena con Formula Ambiente e Formula Servizi? La Giunta comunale fa il punto sui rapporti con una lettera, specificando che non ci sono stati affidamenti diretti, ma gare “condotte con trasparenza e correttezza”. La precisazione viene all'indomani delle recenti notizie sul caso 'Mafia capitale', che lambiscono Cesena in quanto le cooperative romane finite nel mirino dell'inchiesta giudiziaria erano socie del Consorzio Formula Ambiente. Il consorzio proprio lunedì pomeriggio le ha estromesse, facendo uscire anche i loro rappresentanti dal consiglio di amministrazione.

In una lettera il Comune precisa che “nessun affidamento diretto è avvenuto né per il consorzio sociale Formula Ambiente né per la cooperativa Formula Servizi”. A segnalarlo è la Giunta comunale di Cesena che, in una lettera inviata ai consiglieri comunali, fa il punto sui rapporti fra il Comune di Cesena e le due realtà, ripercorrendo puntualmente i tipi di incarico ad esse assegnati e le modalità seguite per il loro affidamento. Nella stessa comunicazione, gli Amministratori di Cesena rivendicano la piena adesione ai valori di legalità, trasparenza, giustizia, etica, come irrinunciabili linee – guida del loro operato quotidiano. “E per questo . sottolineano - il Comune di Cesena può rendere conto con facilità e completezza delle gare per l’affidamento dei servizi che in questi anni ha attivato in città”.

I SERVIZI GESTITI DA FORMULA AMBIENTE PER IL COMUNE

Per quanto riguarda Formula Ambiente bisogna ricordare che si tratta di un consorzio di cooperative sociali di tipo b, che svolge per conto del Comune i servizi di manutenzione del verde pubblico. Formula Ambiente si è aggiudicata questi servizi partecipando ad una gara d’appalto indetta dal Dirigente competente (assessori e sindaco non hanno nessuna competenza in termini di gare) nel 2010. Come normalmente accade, la durata era prevista nel capitolato di gara in 3+3 anni. Ciò significa che, se alla scadenza del terzo anno non si fossero ravvisate inadempienze nello svolgimento del servizio, vi sarebbe stata facoltà di avviare una procedura negoziata, senza previa pubblicazione di un bando di gara, con l’aggiudicatario del contratto di appalto, al fine di ripetere lo stesso servizio nel triennio successivo.

Il servizio ha un valore che, per il triennio 2010-2012, è ammontato complessivamente in 2.408.796,30 euro (+ iva) e che nel triennio 2013-2015, all’atto del rinnovo, a causa dell’indicizzazione Istat e dell’aumento delle aree verdi da coprire, è passato a 2.560.000 euro (+ iva). Formula Ambiente, in raggruppamento temporaneo di impresa con Clafc, si è aggiudicata il servizio con un ribasso della base d’asta del 2,9%, a fronte dello 0,43% proposto dall’altro concorrente. Si è trattato, inoltre, di una gara che prevedeva, oltre all’esperienza tecnica ed a tutte le certificazioni necessarie, l’inserimento di una percentuale significativa di persone con disabilità nello svolgimento delle mansioni di manutenzione. Per questo, la pubblicazione della gara venne giudicata favorevolmente anche dal “Tavolo delle cooperative di tipo b”, storicamente istituito in Comune.  Tavolo, vale assolutamente la pena di ricordare, in cui imprese sociali ed Amministrazione si confrontano sugli affidamenti diretti – il cui valore non può superare per legge i 200.000 euro complessivi –, che sono possibili solo ed esclusivamente in caso si tratti di imprese che inseriscono al lavoro persone svantaggiate.

I SERVIZI GESTITI DA FORMULA SERVIZI PER IL COMUNE

Nessun affidamento diretto è avvenuto né per Formula Ambiente – che, come detto, ha vinto una gara europea - né per Formula Servizi, che non è impresa sociale. Quest’ultima, svolge per il Comune i servizi di facchinaggio, di pulizia e di gestione di una parte dei servizi bibliotecari presso la nuova Malatestiana, per un costo annuo rispettivamente di 8.000 euro (+ iva) e di 153.718,68 (+ iva). Per l’individuazione del soggetto imprenditoriale cui far gestire queste attività, il Comune di Cesena  – che come tutti i Comuni della Regione ha un obbligo normativo in questo senso – si è rivolto alla centrale unica di acquisto regionale “Intercent-ER Agenzia regionale di sviluppo dei mercati”, così come ricordato anche nella lettera inviata ai Consiglieri comunali lo scorso 20 agosto. Tale soggetto, infatti, ha il compito di promuovere e sostenere il processo di ottimizzazione degli acquisti per la nostra Regione e per tutti gli enti locali, attraverso l’espletamento di gare e di percorsi ad evidenza pubblica.

Attraverso Intercent-ER, quindi, queste attività sono svolte da Formula Servizi quale associata affidataria del Consorzio Nazionale Servizi (titolare della convenzione Intercent-ER). In precedenza, l’Amministrazione comunale ha affidato a Formula Servizi i servizi di pulizia del Foro Annonario, nel periodi compresi dal 1-7-2007 al 31-7-2010 e dal 1-8-2010 al 7-1-2012, attraverso la procedura del cottimo fiduciario con consultazione prima di 8 poi di 9 ditte, per un valore complessivo di 133.000 euro (+ iva). Infine, con cottimo fiduciario ad affidamento diretto, è stato affidato il servizio di pulizia della struttura temporanea in piazza Aguselli, con un importo pari a 32.000 euro (+ iva) per il periodo dal 7-1-2012 al 28-2-2014.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Boom di nuovi casi, il virus raggiunge il picco nel Cesenate. Morta una donna

  • Prima vittima del Covid nel comune, il sindaco: "Profonda tristezza e sconforto"

  • Non si fermano i lutti, si piange un'altra vittima del virus. Positivi in lieve calo

  • Covid, il bollettino: 92 nuovi positivi nel Cesenate nelle ultime 24 ore. Un altro morto nell'area del Rubicone

  • Bonaccini: "Emilia Romagna arancione? Curioso. Per Natale valutiamo aperture"

  • La regione verso il "giallo" ma Bonaccini avverte: "Dobbiamo evitare una terza ondata"

Torna su
CesenaToday è in caricamento