Macerone, in estate lavori alla scuola d'infanzia: progetto di miglioramento sismico

"Anche l’intervento sulla scuola dell’infanzia di Macerone - spiegano il sindaco Paolo Lucchi e l’assessore ai Lavori Pubblici Maura Miserocchi - rientra nel programma più complessivo di miglioramento dell’efficienza strutturale"

L’amministrazione comunale ha dato il via libera nei giorni scorsi  il progetto definitivo di miglioramento antisismico per la scuola dell’infanzia di Macerone di via Olof Palme, 80. I lavori prevedono la realizzazione di opere strutturali di consolidamento, rinforzo e miglioramento delle strutture esistenti, oltre che opere di finitura e di ripristino del plesso in generale, per un budget totale di circa 400mila euro. "Anche l’intervento sulla scuola dell’infanzia di Macerone - spiegano il sindaco Paolo Lucchi e l’assessore ai Lavori Pubblici Maura Miserocchi - rientra nel programma più complessivo di miglioramento dell’efficienza strutturale e della sicurezza dei plessi di competenza comunale, già avviato da tempo e che negli ultimi mesi ci ha portato ad approvare i progetti di adeguamento antisismico delle scuole primarie della Fiorita, di Martorano e di S. Egidio, della palestra della scuola di San Carlo e, proprio in questi giorni, della scuola per l’infanzia di San Mauro. Questo programma è stato definito sulla base di un’indagine conoscitiva, che ha portato a individuare gli edifici su cui intervenire prioritariamente. Per l’appunto, la scuola dell’infanzia di Macerone è una di questi. L’edificio è stato infatti realizzato con strutture di calcestruzzo armato prefabbricato nel 1977 (quindi precedente al 1984, quando entrò in vigore la prima normativa antisismica) e necessita di un consistente intervento di miglioramento sismico, soprattutto per quanto riguarda la risposta alle sollecitazioni orizzontali".

Nello specifico, l’intervento prevede un rinforzo strutturale attraverso la realizzazione di telai reticolari in acciaio esterni, su fondazione in pali di cemento armato e pali trivellati, un collegamento degli elementi prefabbricati con carpenteria metallica di vario genere e recupero degli elementi strutturali a vista dell’interrato tramite pulizia, recupero dei ferri a vista e rifacimento del copri ferro. Inoltre, saranno modificati gli impianti fognari e i marciapiedi esterni, saranno revisionati i controsoffitti con una nuova illuminazione con corpi illuminanti a led integrati e saranno svolte diverse opere di finitura. La conformazione e le scelte strutturali adottate al momento della costruzione dell’edificio consentono di intervenire quasi in modo univoco dall’esterno, attraverso degli elementi rigidi sismo rispondenti. Per non intralciare l’attività didattica, bisognerà eseguire i lavori nel periodo estivo, distribuendoli su due anni consecutivi, a partire dall’estate 2018.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Non si fermano i lutti, si piange un'altra vittima del virus. Positivi in lieve calo

  • Prima vittima del Covid nel comune, il sindaco: "Profonda tristezza e sconforto"

  • Covid, il bollettino: 92 nuovi positivi nel Cesenate nelle ultime 24 ore. Un altro morto nell'area del Rubicone

  • Scende l'indice Rt in regione ma salgono i positivi nel Cesenate. Si piange un'altra vittima

  • Medicina, moda e ricerca: le tre eccellenze cesenati per il premio Malatesta Novello

  • La regione verso il "giallo" ma Bonaccini avverte: "Dobbiamo evitare una terza ondata"

Torna su
CesenaToday è in caricamento