M5S, la crociata per arginare il gioco d'azzardo è nero su bianco

Il Movimento 5 Stelle presenta un mozione per proporre l'adesione del comune di Cesenatico al manifesto dei sindaci contro il gioco d'azzardo. Nel territorio cesenate Savignano l'ha già firmato

Il Movimento 5 Stelle presenta un mozione per proporre l'adesione del comune di Cesenatico al manifesto dei sindaci contro il gioco d'azzardo. Nel territorio cesenate Savignano l'ha già firmato. La proposta è stata fatta, si legge in una nota - per sostenere tutte le iniziative e le attività programmate dall’Amministrazione Comunale  finalizzate alla promozione di interventi educativi e d’informazione, culturali,  formativi e regolativi per la prevenzione dalla dipendenza del gioco d’azzardo".

Al momento sono 220 i comuni che hanno già aderito al manifesto e la volontà è chiara: chiedere che i sindaci abbiano più potere per arginare l'avanzata del gioco d'azzardo. E' la terza industria in Italia per fatturato che però ha una faccia ben diversa dalla pioggia di denaro facile che promette. E' la scia di giocatori d'azzardo patologici; sono compulsivi non possono stare senza giocarsi tutto (o quasi) trascinando nei debiti e nella disperazione i familiari.

La dipendenza da gioco coinvolge il sistema sanitario nazionale, ma la diffusione delle slot trova una sponda favorevole nelle mafie che hanno trovato nelle “mangiasoldi” una vera e propria manna per riciclare denaro sporco. In questo panorama alla “Davide contro Golia” i sindaci non hanno neppure la fionda visto che sono privi di qualsiasi strumento normativo atto a programmare l’apertura, la gestione e il funzionamento delle sale gioco e di tutti gli altri luoghi in cui sia possibile giocare d’azzardo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Almeno il Manifesto promosso da Terre di mezzo e Legautonomie è uno strumento per presentare una proposta di legge di iniziativa popolare mirata alla riduzione dell'offerta e al contenimento dell’accesso. Con l'adesione i Comuni chiedono che sia consentito il potere di ordinanza dei sindaci per definire l’orario di apertura delle sale gioco e per stabilire le distanze dai luoghi sensibili, e sia richiesto ai comuni e alle autonomie locali il parere preventivo e vincolante per l’installazione dei giochi d’azzardo. I Comuni si impegnano ad utilizzare tutti gli strumenti disponibili per esercitare attività di contrasto al gioco d'azzardo, intervenendo sugli Statuti Comunali, i Piani di Governo del Territorio, i Regolamenti (di Polizia Locale, del commercio, della pubblicità, delle sale gioco), la stesura di ordinanze e disponendo controlli di polizia locale sulle sale gioco presenti sul territorio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Governo al lavoro per un nuovo Dpcm, si pensa a coprifuoco e altri limiti per i locali

  • Ore di ansia per la famiglia, si moltiplicano gli appelli per una 17enne scomparsa: ma c'è il lieto fine

  • Si lascia cadere nella notte dal Ponte vecchio: recuperato il cadavere nel Savio

  • Tonina Pantani al Giro: "Si è celebrata solo la Nove Colli, sembra quasi che diamo fastidio"

  • Colto da un infarto sull'E45: sbatte contro il new jersey e muore

  • Coronavirus, nuova impennata di casi nel Cesenate: la mappa dei nuovi contagi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento