rotate-mobile
Cronaca

"Lungo la rotta balcanica", il Centro Pace di Cesena ha attivato una raccolta fondi

Dal 2015 la rotta balcanica è la principale via terrestre d’accesso all’Europa per migliaia di persone soprattutto provenienti da Siria, Afghanistan, Iraq e Pakistan

Il Centro Pace di Cesena ha attivato una raccolta fondi per sostenere l’Associazione “Lungo la rotta balcanica”, presente a Biha? dal 2015 per monitorare, raccontare e supportare i migranti bloccati nella Bosnia occidentale, in un contesto di quotidiana e drammatica violazione dei diritti umani. Per promuovere l’iniziativa e per sostenere questa campagna di raccolta fondi venerdì 26 marzo, alle 18,30, sulla pagina Facebook del Centro Pace andrà in onda un incontro di conoscenza e confronto con Anna Clementi e Diego Saccora di “Lungo la rotta balcanica” e con Arianna Ventre di “No Name Kitchen”. Interverrà anche Giulia Rogai di “Centro Pace Cesena APS”. Sarà presente anche l’Assessore all’Inclusione Carlo Verona.

Per sostenere “Lungo la rotta balcanica” è possibile effettuare una donazione con bonifico bancario intestato a: Centro Pace Cesena APS – ??????????????????????????? /Causale: Lungo la rotta balcanica.

Dal 2015 la rotta balcanica è la principale via terrestre d’accesso all’Europa per migliaia di persone soprattutto provenienti da Siria, Afghanistan, Iraq e Pakistan. Da quando questa via è stata formalmente chiusa – nel marzo 2016, in seguito all’accordo tra Turchia ed UE per l’esternalizzazione del controllo dei confini e la gestione dei flussi migratori – il viaggio verso l’Europa è tornato nelle mani del traffico, diventando sempre più pericoloso e costoso: migliaia sono rimasti bloccati all’interno dei Paesi balcanici. Tra il 2016 ed il 2017 la Serbia è stata il limite invalicabile della Balkan Route e l’UE, mentre dal 2018 la rotta si è spostata nella vicina Bosnia-Erzegovina. Come in Serbia, anche qui le persone vivono in condizioni impossibili, in campi profughi strutturati o addirittura al di fuori di essi, in tende o baracche di fortuna allestite nelle cosiddette “jungle”, in boschi o in edifici abbandonati. La loro unica speranza per cercare rifugio in Unione Europea è quella di entrarvi pagando dei trafficanti, tentando il “game”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Lungo la rotta balcanica", il Centro Pace di Cesena ha attivato una raccolta fondi

CesenaToday è in caricamento