Cronaca

Lucchi: "Di Berlusconi resteranno solo ricordi sbiaditi"

"Dell'Italia, dei suoi valori democratici, della capacità di reagire anche dopo stragi terribili come quelle alla stazione di Bologna, invece, ci resteranno pagine da raccontare"

"Giovedì sera - scrive il sindaco Paolo Lucchi - ho raccontato ai miei figli che il giorno successivo avrei partecipato alla manifestazione che ogni anno si tiene in memoria degli 85 morti nella strage alla stazione di Bologna del 1980. Ho spiegato loro ciò che si sa di quel tragico due agosto, sia perché - pur se piccoli - è bene abbiano la piena consapevolezza di quel che accadde negli anni recenti più bui del nostro Paese, sia per un legame che, come famiglia, abbiamo con quei giorni".

"Dopo aver sbirciato i titoli dei giornali di oggi – monotematici - e quelli dei notiziari (idem), non posso che avere una speranza: che Berlusconi si decida – come accadrebbe a me, a chiunque – di smettersela con i proclami minacciosi, adeguandosi semplicemente a rispettare la sentenza e le leggi di questo Paese; che la politica esca dalla paralisi totale di queste settimane e riprenda ad operare per il bene del Paese (per esempio, che prospettive ha questo Governo se già in queste ore dovrà subire - oltre a quelle dei tanti italiani alle prese con un'emergenza economica e sociale ormai palese – anche le tensioni di chi, tra parlamentari e ministri, è totalmente berlusconidipendente?); che oggi le prime notizie dei tg siano dedicate alla manifestazione di Bologna".

"Fra un po' di anni sulle vicende personali di Berlusconi resteranno solo alcune sbiadite pagine sui libri di storia; dell'Italia, dei suoi valori democratici, della capacità di reagire anche dopo stragi terribili come quelle alla stazione di Bologna, invece, ci resteranno pagine da raccontare - con orgoglio e tristezza - ai nostri figli".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lucchi: "Di Berlusconi resteranno solo ricordi sbiaditi"
CesenaToday è in caricamento