rotate-mobile
Mercoledì, 22 Maggio 2024
Cronaca Cesenatico

"La chirurgia estetica non è come i filtri di Instagram. Il bisturi ti migliora fuori se stai bene dentro"

Un medico chirurgo con un'anima da psicologo. Questo è il profilo di Alessandro Pasquali, dottore di Cesenatico che, forte della sue esperienza lancia un libro: ""Mi dica cosa non le piace di sé”

Un medico chirurgo con un'anima da psicologo. Questo è il profilo di Alessandro Pasquali, medico di Cesenatico che, forte della sue esperienza ambulatoriale nella città della riviera, posa la lente d'ingrandimento sul complicato rapporto tra "ritocchino" e accettazione di sè e ne fa addirittura un libro già in vendita su tutte le piattaforme digitali. Il titolo è "Mi dica cosa non le piace di sé” e, oltre trattare il perché si va dal chirurgo estetico, mette in risalto il delicato e intimo rapporto che intercorre tra un chirurgo estetico "coscienzioso" e il paziente.

E' un libro che, per la prima volta, svela le dinamiche, a volte bizzarre, che si originano all’interno del “confessionale” di uno studio estetico. “Penso che, prima di iniettare botox, un medico che si occupa di bellezza dovrebbe frequentare un corso accelerato di psicologia avanzata perché troppe volte, anziché stirare una ruga, ci ritroviamo a curare le ferite dell’anima”. Parte da questa valutazione il dottor Pasquali, fervido sostenitore della “chirurgia etica”, quella che dovrebbe portare, ogni tanto, il medico a dire di no.

“In una società dominata dagli stereotipi di bellezza - scrive Pasquali nel libro - non è mai facile spiegare alle donne che il miglior lifting è sempre la felicità. Se ascoltassi, senza obiettare, le richieste delle mie pazienti, sarei circondato da statuine di Capodimonte. Tutte lucide, uniformi, perfettamente proporzionate sui loro piedistalli. In una parola, tutte uguali, acqua e silicone”.

Il libro parte da una domanda: il “ritocchino” è sempre sinonimo di felicità e realizzazione? Parlando di moda, emulazione, social e fake-news, Pasquali affronta in maniera chiara e coraggiosa la madre di tutte le questioni raccontando una serie di aneddoti e case-history - molti localizzati a Cesenatico - che riflettono le profonde contraddizioni che, a volte, spingono le pazienti a rivolgersi al chirurgo estetico.

C’è chi lo fa per risolvere un problema fisico importante, chi per omologarsi ai parametri della moda dominante. Chi vuole assomigliare alla star dei social e chi, invece, vuole semplicemente provare a colmare le sue voragini emotive e le carenze di autostima. Sempre più uomini e donne, però, scelgono di rifarsi piuttosto che accettarsi.

Ma la chirurgia plastica non può diventare un’officina di pezzi di ricambio e il silicone non è il Parmigiano che sta bene su tutto. Il bisturi - sostiene Pasquali - non è una bacchetta magica. Ti migliora “fuori” solo se stai bene “dentro”.

“A Cesenatico, in particolare - spiega - è di moda la medicina estetica ‘stagionale’, ovvero la maggior parte della mia clientela mi chiede di essere al top per la prova costume di maggio. Ho pazienti, anche piuttosto attempate, che decidono legittimamente di indossare bene la loro vecchiaia, ma ho anche giovanissime che si presentano in studio con la foto ritoccata di instagram e pretendono di assumere, anche nella realtà, quelle sembianze. Sono proprio i giovani quelli che mi stanno più a cuore perché, affetti da disformismo cronico, preferiscono cambiarsi anziché accettarsi”. E da Cesenatico arrivano anche esempi inquietanti come la ragazzina che, dopo aver abusato di filtri nelle foto social, non se la sente più di affrontare la realtà o come quella pensionata che, per concedersi una seconda chance, pubblica puntualmente su Tinder (un sito d’incontri online) la sua immagine “photoshoppata” salvo poi ritrovarsi nei guai nel momento fatidico dell’incontro.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"La chirurgia estetica non è come i filtri di Instagram. Il bisturi ti migliora fuori se stai bene dentro"

CesenaToday è in caricamento