rotate-mobile
Sabato, 21 Maggio 2022
Cronaca Gatteo

"Le vie delle scienziate”, il Comune approva il progetto per l’intitolazione di alcune strade a grandi donne

Approvato in giunta il progetto per l’intitolazione delle vie del comune. In Oratorio tutto esaurito per lo spettacolo di Liana Mussoni

Un Oratorio di San Rocco gremito ha celebrato a Gatteo la Giornata Internazionale della Donna con  il tutto esaurito dello spettacolo “La famosa volpe azzurra”, dal titolo di un brano di Leonard Cohen ripreso da Fabrizio De André. Il legame tra i due giganti della musica è il fil rouge del concerto narrato messo in scena ieri sera da Liana Mussoni, autrice e voce dello spettacolo, accompagnata dai musicisti Emiliano Ceredi, Fabrizio Flisi, Gioele Sindona e Tiziano Paganelli.

Accompagnato dalla proiezione di immagini, il concerto segue le tracce della presenza di Cohen nei brani di Faber, che si concentra in particolare sui ritratti femminili del cantautore canadese, che diventano le tappe di un viaggio lungo il filo rosa dei volti, dei sogni e del dolore di tante donne tratteggiate in equilibrio fra questi due grandissimi della musica. 

Ad introdurre lo spettacolo è stata l’Assessora alla Cultura Stefania Bolognesi, che ha colto l’occasione per annunciare l’altra bella iniziativa con cui l’Amministrazione di Gatteo ha voluto celebrare questa giornata. E’ stato approvato infatti in Giunta proprio martedì 8 marzo il progetto “Le vie delle scienziate”, per l’intitolazione di alcune strade del comune alle grandi donne della scienza. 

"La toponomastica svolge un ruolo profondamente simbolico nel nostro immaginario, contribuendo a costruire la nostra memoria storica e la nostra identità culturale. Come recita il testo della delibera approvata la parità di genere passa anche attraverso questo piano simbolico e immaginario, 'che si costruisce e rafforza giorno dopo giorno navigando lo spazio pubblico e interiorizzando quali sono le persone che la nostra comunità ha scelto di valorizzare'. Esiste ad oggi una fortissima disparità di genere nell’intitolazione delle strade, la delibera di indirizzo approvata in Giunta intende correggere in parte questo disequilibrio, fornendo esempi di  donne che si sono distinte nei loro ambiti disciplinari per i contributi fondamentali che hanno saputo dare con i loro studi e ricerche, contribuendo ad avvicinare le bambine e le ragazze al mondo delle scienze e della tecnologia".

Tra i nomi proposti figurano Lise Meitner, Rosalind Franklin, Hedy Lamar, ma anche le italiane Margherita Hack, Rita Levi Montalcini, Emma Mameli Calvino e, più indietro nel tempo, Laura Bassi ed Elena Lucrezia Cornaro Piscopia. “Un atto dovuto a mio avviso – commenta l’Assessora Bolognesi – che ha trovato il Sindaco Pari e tutta la Giunta unanimemente concordi nella volontà di correggere un torto e dare un segnale importante che rispecchi il cambiamento dei tempi e che serva a consolidare nelle nuove generazioni l’idea che le opportunità che si aprono di fronte a ciascun individuo non devono mai dipendere dal genere”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Le vie delle scienziate”, il Comune approva il progetto per l’intitolazione di alcune strade a grandi donne

CesenaToday è in caricamento