Le riflessioni del mondo agricolo, "Il paese che vogliamo": tre nuovi webinar con Cia

Il report del primo webinar su lockdown e scenari: cittadini più attenti a Made in Italy, ambiente, tipicità, salute, convenienza. Impennata dell’e-commerce

“Il Paese che Vogliamo”, il road-show iniziato un anno fa e interrotto nel viaggio dal nord al sud Italia dall’emergenza Covid-19 è ripartito online, dall’assunto cardine del progetto, che proprio il Coronavirus ha fatto emergere in modo evidente: agricoltura e agroalimentare sono assolutamente strategici. 

“Gli Agricoltori Italiani per l’ambiente, il territorio e le produzioni di qualità” è il tema che lega i tre nuovi seminari online per un confronto con istituzioni nazionali, Ue, enti e organizzazioni, mondo delle imprese e della ricerca. Mercoledì 8 luglio alle 9, in collaborazione con IBMA Italia, “Innovazione per la sostenibilità: il valore delle tecnologie di biocontrollo per la difesa delle colture”; venerdì 10 alle 11 “Agricoltura e territorio: dal green deal la ripartenza”; mercoledì 15 alle 10: “Green New Deal: agricoltura biologica protagonista. Adeguare le politiche del settore biologico per realizzare gli obiettivi di sostenibilità 2030” organizzato da Cia con Anabio. Ci si potrà collegare dal sito www.cia.it o dalla pagina Facebook di Cia-Agricoltori Italiani.

“La particolare situazione del settore dovuta a Covid, maltempo, cimice asiatica, solo per fare alcuni esempi, si inserisce purtroppo in un quadro generale del Paese di assoluta debolezza - afferma Danilo Misirocchi, presidente Cia Romagna - Il rilancio non può che partire da qui, investendo sul valore economico, sociale e ambientale delle zone rurali italiane. Da parte nostra c’è grande preoccupazione e chiediamo alla politica un forte senso di responsabilità”.  

Nella prima videoconferenza promossa da Cia il 2 luglio, con la partecipazione di istituzioni, mondo delle imprese e della ricerca il tema è stato “Superare l’emergenza. I sistemi produttivi del territorio modello per ripartire”. Cia ha fatto il punto sul ruolo economico e produttivo dell’agroalimentare italiano in tempo di Covid-19 e sugli scenari di lungo periodo con la presentazione del Report elaborato da Nomisma per la Confederazione. Lo studio analizza i valori alla base delle scelte di acquisto di food&beverage del lockdown e della ripartenza, individuando i fattori influenti e tracciando possibili scenari. 

Ne emerge un cittadino che esce dalla crisi pandemica più attento al Made in Italy (26%), alla tutela dell’ambiente (22%), alle tipicità del territorio (16%), alla salute (15%) e alla convenienza (14%). Guardando in prospettiva, da qui ai prossimi 30 anni, una popolazione italiana più vecchia porterà a una diminuzione dei consumi vicina al 10%. Per sopravvivere al calo della domanda interna, servirà competenza nell’export e nuovi assetti aziendali per produzioni realmente più orientate al consumatore.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il Covid ha avuto effetti drammatici sulla tenuta socio-economica del Paese, ha rimesso in discussione tutti i modelli di crescita. La pandemia ha reso però chiara la centralità dell’agricoltura, che ha svolto la funzione di garante dell’approvvigionamento alimentare nazionale, ma ciò non è stato sufficiente ad arginare crisi e perdite reddituali, soprattutto legati allo stop del canale Horeca (bar, ristoranti) e al crollo delle presenze per gli agriturismi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il primo studente positivo a scuola, tutta la classe va in quarantena

  • La loro passione diventa un'avventura dolcissima: due amiche aprono una biscotteria-pasticceria

  • Si schianta contro il guard rail in uscita dalla curva, il motociclista muore sul colpo

  • Il virus entra anche al Righi, 26 studenti in quarantena. Un altro tampone positivo al linguistico

  • Il blitz della Finanza chiude l'hotel in anticipo, c'erano solo lavoratori stranieri in nero

  • Coronavirus, "focolaio" nell'azienda di consegne, 12 lavoratori positivi al tampone

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento