Cronaca

Le imprese di Cesena sono puntuali ed affidabili: più della metà paga subito

È quanto emerge dallo Studio Pagamenti realizzato da CRIBIS, la società del Gruppo CRIF, che gestisce in Italia le informazioni creditizie, che ha analizzato i comportamenti di pagamento delle imprese

Le imprese di Forlì-Cesena le più puntuali in Emilia Romagna per quanto riguarda i pagamenti. La statistica, che denota l'indice di affidabilità delle imprese locali, è stata  elaborata dallo Studio Pagamenti di Cribis, società del gruppo Crif specializzata nella business information, sulle abitudini di pagamento delle imprese emiliano romagnole. Le imprese della provincia di Forlì e Cesena, dati aggiornati a fine marzo 2017, si posizionano al primo posto in Emilia e quattordicesime in Italia in tema di puntualità nei pagamenti commerciali.

Ben il 49% infatti ha saldato puntualmente le fatture, mentre il 43,6% ha regolato i conti con un ritardo fino a 30 giorni dai termini concordati e solo il 7,4% oltre i 30 giorni. Una performance migliore sia della media regionale (44,8% di pagamenti puntuali) sia, nettamente, di quella nazionale (35,6%). Si segnala però il peggioramento dei ritardi gravi, passati in 7 anni dal 5,1% del 2010 al 7,4% attuale.

È quanto emerge dallo Studio Pagamenti realizzato da CRIBIS, la società del Gruppo CRIF, che gestisce in Italia le informazioni creditizie, che ha analizzato i comportamenti di pagamento delle imprese regionali nel primo trimestre 2017. Entrando nel dettaglio provinciale, è dunque Forlì-Cesena la provincia più puntuale della Regione. Seguono nella classifica Modena (47,5%), Piacenza (45,7%), Bologna (45,4%), Reggio Emilia (45,2%), Ferrara (44,8%), Parma (43,2%), Ravenna (43,1%) e Rimini (38,8%).

A livello nazionale le imprese emiliano romagnole sono delle ottime pagatrici e si posizionano al secondo posto in Italia, dopo il Veneto, in tema di puntualità nei pagamenti commerciali nei confronti dei fornitori. Ben il 44,8% delle 401.200 imprese infatti ha saldato alla scadenza le fatture, il 47,2% entro il mese, solo l’8% oltre i trenta giorni di ritardo. Sul terzo gradino del podio troviamo la Lombardia con una percentuale del 44,4%. In un solo anno sono calati del 9,1% i ritardi gravi nei pagamenti, uno dei principali indicatori dello stato di salute delle imprese.

Rispetto al 2016 è anche leggermente diminuita (-0,2%) la percentuale dei pagamenti alla scadenza. Rispetto al 2010, invece, i ritardi gravi delle imprese emiliano romagnole sono aumentati del 70,2%, quelli alla scadenza hanno registrato una crescita del 9,8%.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Le imprese di Cesena sono puntuali ed affidabili: più della metà paga subito

CesenaToday è in caricamento