rotate-mobile
Giovedì, 26 Maggio 2022
Cronaca

"Le aree verdi non devono diventare impianti sportivi, si cerchino zone in disuso". La pista di mountain bike fa discutere

Davide Fabbri : "Desidero evidenziare il caso di Martorano: una zona verde a ridosso delle abitazioni di via Otello Fusconi e di via Don Eugenio Medri, che si intende trasformare in percorso per le biciclette mountain bike"

Davide Fabbri torna ad occuparsi di ambiente criticando l'operato dell‘assessore Christian Castorri, vicesindaco di Cesena con le deleghe ai Lavori Pubblici e Sport. "Con il suo progetto denominato Green City Cesena - scrive il blogger -  ha in testa di occupare molte aree verdi e giardini della città e del forese - aree verdi limitrofe alle abitazioni - con attrezzature sportive, trasformando di fatto uno spazio verde in un impianto sportivo. Oggi desidero evidenziare il caso di Martorano di Cesena: una zona verde a ridosso delle abitazioni di via Otello Fusconi e di via Don Eugenio Medri, che si intende trasformare in percorso e pista per le biciclette mountain bike". Il caso è già stato sollevato anche da Fratelli d'Italia, come indigesto ai residenti.

Dettaglia l'ex consigliere comunale Davide Fabbri: "Al di là del fatto che tecnicamente si tratterebbe di un improprio e illegittimo cambio di destinazione d’uso dell‘area, oggi voglio evidenziare che le aree verdi limitrofe alle abitazioni non vanno riempite con attrezzature sportive; è fondamentale che gli spazi verdi continuino ad essere pensati per la tutela del clima e ambiente, per attività legate allo svago e al gioco (soprattutto per i più piccoli), alle passeggiate, al riposo sul prato, alla riduzione dello stress, alle chiacchiere in compagnia seduti nelle panchine (che mancano in questa area verde di Martorano), aumentando la sensazione di felicità. Le piste di mountain bike vanno costruite in aree dismesse, in luoghi in disuso, in aree già cementificate, o al massimo in aree verdi lontane e distanti dalle case, per evitare comprensibili disagi alla popolazione residente. Che nello specifico si è mossa da tempo: da circa un anno, ha già raccolto decine e decine di firme fra i residenti di via Fusconi e via Medri (molti sono anziani, vi sono lavoratori turnisti) per chiedere giustamente al vicesindaco di ripristinare l‘area verde in questione rimuovendo i diversi cumuli di terra depositati da camion e ruspe, al fine di realizzare dune e montagnole per la pista di mtb. Il verde vicino alle abitazioni, come nel caso di Martorano, e‘ utile perché attenua i rumori della frenetica routine e garantisce un importante servizio ecologico. La pista di mtb non può svolgere questo servizio", conclude nel suo intervento Fabbri.     

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Le aree verdi non devono diventare impianti sportivi, si cerchino zone in disuso". La pista di mountain bike fa discutere

CesenaToday è in caricamento