Lavori conclusi: il Palamadonnina è un'eccellenza di Cesenatico

L’intervento, autorizzato prima del Covid, ha portato a una proroga della concessione ai sensi del nuovo regolamento per la gestione degli impianti sportivi

Pannelli fotovoltaici, luci a led, sensori di movimenti, impianto stereo in diffusione e anche il campo completamente nuovo e tirato a lucido: ecco la nuova veste del Palamadonnina, centro della pallavolo cittadina che dopo gli ultimi lavori rappresenta anche un esempio di edificio smart e sostenibile. L’intervento, autorizzato prima del Covid, ha portato a una proroga della concessione ai sensi del nuovo regolamento per la gestione degli impianti sportivi. Un passo verso il futuro per l’impianto gestito dalla società “Volley Cesenatico” che si impegna da anni per la formazioni dei giovani pallavolisti con un’attività che coinvolge circa 200 tesserati ogni anno. 

I lavori, con 60mila euro di investimento, hanno migliorato la fruibilità dell’impianto che molte squadre professionistiche scelgono per allenamenti e ritiri quando hanno in calendario partite in Romagna: nell’atrio è presente una smart tv che monitora costantemente l’energia prodotta dai pannelli fotovoltaici presenti sul tetto, conteggiando risparmio e fabbisogno energetico. Gli interventi all’interno hanno migliorato la luminosità dell’intero palazzetto e degli spogliatoio, abbattendo i consumi: anche il nuovo campo, costato 11mila euro, è stato realizzato con legno protettivo opaco che non riflette la luce che arriva al soffitto e garantisce una perfetta esperienza di gioco.

Negli spogliatoi, spaziosi e a norma per ospitare competizioni nazionali, sono stati installati sensori di movimento per abbattere gli sprechi. Il Volley Cesenatico ha 13 squadre, dai piccoli del Mini Volley fino alla Serie C maschile (quinta serie nazionale) e sta attraversando un momento delicato dovuto all’emergenza sanitaria. Il Ppresidente Giammarco Boschetti insieme al suo vice Alessandro Venzi e ai consiglierti Fabio Bravetti e Massimo Morigi hanno scelto di fermare tutte le attività, anche quelle delle squadre che secondo il Dpc si potrebbero allenare. L’auspicio è quello di poter ripartire a gennaio dopo questo periodo di riposo forzato. 

"Come Amministrazione pensiamo allo sport sempre su un doppio binario: da una parte la realizzazione di nuovi impianti, dall’altra il miglioramento di quelli che già abbiamo - afferma il sindaco Matteo Gozzoli -. Non entravo al Palamadonnina da un po’ e devo dire che ho trovato un impianto moderno che viaggia verso la sostenibilità e l’avanguardia. Comprendo benissimo come tante squadre di professionisti scelgano di fermarsi a Cesenatico ad allenarsi appena possono, e anche questo può essere uno dei motori per dare linfa al nostro turismo sportivo".

Palamadonnina-1-2

Palamadonnina-3-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il mondo dell'imprenditoria cesenate è in lutto: è morto Augusto Suzzi, fondatore della 'Suba'

  • Coronavirus, 100 nuovi positivi nel Cesenate. Si piangono altre 5 anziane vittime

  • Disobbedienza civile dei ristoranti, apertura nonostante il blocco: anche a Cesena la protesta

  • I numeri settimanali del Covid, il Cesenate è l'area più colpita: forte aumento dei contagi

  • Ristoratrice apre le porte del suo agriturismo e accoglie 58 clienti a pranzo e cena: denunciata

  • Coronavirus, approvato il nuovo decreto: divieto di spostamento tra regioni fino al 15 febbraio

Torna su
CesenaToday è in caricamento