Lattuca raccoglie il grido d'allarme degli ippodromi: emendamento anti-tagli

Dopo l’allarme lanciato dai vertici di HippoGroup in tema di tagli al settore dell’ippica previsti nella legge di stabilità 2016, interviene il deputato del Pd Enzo Lattuca che proprio in questi giorni è al lavoro con una serie di emendamenti

Dopo l’allarme lanciato dai vertici di HippoGroup in tema di tagli al settore dell’ippica previsti nella legge di stabilità 2016, interviene il deputato del Pd Enzo Lattuca che proprio in questi giorni è al lavoro con una serie di emendamenti finalizzati a invertire la linea del Governo sul settore dell’ippica e degli ippodromi. “Raccolgo il grido di allarme lanciato dal mondo dell’ippica e nello specifico l’appello di HippoGroup – afferma l’on. Enzo Lattuca – condivido le loro preoccupazioni per le ricadute negative sul settore produttivo e sull’occupazione che i tagli previsti all’interno della legge di Stabilità potrebbero causare.”

Poi prosegue: “ Mi sono già attivato presso il Ministero delle Politiche Agricole perché venga rivista l'ipotesi di tagli previsti nella Legge di Stabilità 2016, ma soprattutto si rivedano i criteri che dovrebbero individuare le classificazioni degli ippodromi italiani”. “Sono fermamente convinto – dice l’on. Lattuca - che la classificazione degli ippodromi sia di grande importanza così come la riforma dell'intero comparto che sto seguendo da inizio della XVII Legislatura”.

Il primo problema secondo il parlamentare cesenate riguarda il metodo utilizzato dal Ministero dell’Agricoltura per la classificazione degli impianti: “La lunghezza delle piste come unico parametro di classificazione delle strutture non è sufficiente e non valorizza il reale valore di realtà importanti. Non si può prescindere dalle presenze, dai servizi offerti dagli impianti e dallo stato delle scommesse, tutti parametri che a Cesena sono ben più elevati che in altre realtà d’Italia.”

Per modificare questa impostazione che rischia di penalizzare realtà ben gestite come nel caso dell’Ippodromo del Savio, Lattuca ha presentato alcuni emendanti volti a rilanciare il settore dell’ippica. “Gli emendamenti presentati – spiega Lattuca – mirano in primis al riassetto delle modalità di finanziamento e promozione del settore ippico, al riordino della disciplina delle scommesse ippiche, all’istituzione di una Lega Ippica Italiana con funzioni organizzative e di ripartizione delle risorse”. Poi conclude: “La discussione sulla Stabilità 2016 sta entrando nel vivo in queste ore, spero che il Governo accolga o faccia sue queste proposte che servono a riformare un settore che altrimenti rischia la paralisi.”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il mondo dell'imprenditoria cesenate è in lutto: è morto Augusto Suzzi, fondatore della 'Suba'

  • Coronavirus, 100 nuovi positivi nel Cesenate. Si piangono altre 5 anziane vittime

  • Disobbedienza civile dei ristoranti, apertura nonostante il blocco: anche a Cesena la protesta

  • I numeri settimanali del Covid, il Cesenate è l'area più colpita: forte aumento dei contagi

  • Ristoratrice apre le porte del suo agriturismo e accoglie 58 clienti a pranzo e cena: denunciata

  • Coronavirus, approvato il nuovo decreto: divieto di spostamento tra regioni fino al 15 febbraio

Torna su
CesenaToday è in caricamento