"Latitante" dopo esser finito nei guai per furto e ricettazione: ora è in carcere

Alla luce delle risultanze investigative, il pubblico ministero Fabio Magnolo, ha richiesto al giudice Marco De Leva l’applicazione di una misura cautelare più restrittiva

Un trentacinquenne bulgaro, in Italia senza fissa dimora e già noto alle forze dell'ordine, è stato arrestato mercoledì mattina dai Carabinieri di San Mauro Pascoli ad Alessandria. L’uomo, già tratto in arresto in flagranza dagli stessi militari nelle prime ore della notte dello scorso 12 febbraio, si era reso responsabile insieme ad un 32enne albanese, anch'egli denunciato, di un furto commesso in un bar-tabaccheria a San Mauro Mare.

All’esito del processo per direttissima fu rimesso in libertà, con l’obbligo di firma due volte al giorno al comando stazione di S. Mauro. Tale ordine del giudice venne violato dopo una settimana, momento a partire dal quale l’imputato, il quale poi è stato denunciato anche per aver fornito false generalità nel corso dell’udienza, non si è più presentato per l’apposizione della firma. In un’occasione della presentazione al comando stazione, inoltre, l’uomo era stato trovato in possesso di 1430 euro, somma della quale non giustificava il possesso. Per questo motivo il denaro era stato sequestrato e il 35enne indagato per ricettazione.

Alla luce delle risultanze investigative, il pubblico ministero Fabio Magnolo, ha richiesto al giudice Marco De Leva l’applicazione di una misura cautelare più restrittiva ed è stato emesso a suo carico un decreto di latitanza.I militari, nella fase esecutiva, sono stati coadiuvati da personale del locale comando compagnia Carabinieri e del comando della Polizia Municipale. L’arrestato, al termine della formalità di rito, è stato tradotto nella Casa Circondariale “Don Soria” di Alessandria.

  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristoranti d'eccellenza: le stelle Michelin brillano ancora su Cesenatico

  • Boom di nuovi casi, il virus raggiunge il picco nel Cesenate. Morta una donna

  • La Regione allenta le misure anti-Covid, la nuova ordinanza valida fino al 3 dicembre

  • Prima vittima del Covid nel comune, il sindaco: "Profonda tristezza e sconforto"

  • Bonaccini: "La regione resta 'arancione' ma negozi riaperti già da domenica"

  • "Siano riconosciuti gli esiti dei tamponi rapidi per lo stato di malattia dei lavoratori"

Torna su
CesenaToday è in caricamento