Cronaca

La vita ai tempi del Coronavirus - "Entusiasmo digitale per prof e alunni, ma c'è un velo di tristezza"

"La scuola è prima di tutto scambio (di idee, di legami) e condivisione (di emozioni, paure o soddisfazioni non importa) e constatare che tutto ciò ora non è possibile ha portato un velo di tristezza su molti alunni"

Per inviare un testo (meglio se con foto): redazione@romagnaoggi.it - indicare la città

E’ iniziata ormai la tredicesima settimana di sospensione delle lezioni in presenza. L’entusiasmo digitale del primo periodo -quello dei docenti, finalmente messi alla prova nelle competenze digitali richieste da abilitazioni e concorsi, e quello degli studenti, positivamente trasportati da piattaforme web e innovazione scolastica- sta scemando. I “risultati” ottenuti sono straordinari, ma ora sono gli stessi ragazzi, abituati ad ogni tipo di device, ad accusare una certa fatica: qualcuno confessa il desiderio di tornare nella propria aula, qualche altro prova la mancanza delle chiacchiere nei corridoi o della corsa al bar dell’istituto.

La scuola è prima di tutto scambio (di idee, di legami) e condivisione (di emozioni, paure o soddisfazioni non importa) e constatare che tutto ciò ora non è possibile ha portato un velo di tristezza su molti alunni, spingendoli a rimpiangere la vera scuola, quella in presenza. 
In fondo la scuola è un’abitudine -una bellissima abitudine- per tutti noi... e, come tutte le abitudini, necessità di normalità, non di straordinarietà...

Francesco Mazzoni, insegnante presso Liceo Righi di Cesena

 Vuoi raccontarci la tua storia? Mail a redazione@romagnaoggi.it

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La vita ai tempi del Coronavirus - "Entusiasmo digitale per prof e alunni, ma c'è un velo di tristezza"

CesenaToday è in caricamento