La tristezza tra gli amici del parco: "Finché non succede qualcosa, non interviene mai nessuno"

La vittima Davide Calbucci era infatti un uomo particolarmente conosciuto dai frequentanti del principale parco del quartiere, dove si è consumata la tragedia

L’omicidio di sabato mattina al Parco delle Vigne è una ferita ancora tutt’altro che rimarginata. La vittima Davide Calbucci era infatti un uomo particolarmente conosciuto dai frequentanti del principale parco del quartiere, dove si è consumata la tragedia. Nel punto esatto del delitto è ora presente un grande mazzo di rose e fiori, circondato da otto candele: davanti a questo, i passanti (soprattutto coetanei di Davide) non restano indifferenti: c’è chi si ferma per una preghiera, e chi per semplice un segno della croce, anche commuovendosi. 

La veglia di preghiera

“Era una persona gentilissima, aiutava tutti, non disturbava - spiega Antonella, abitante delle “Vigne” e conoscente di Davide - è stata una vera e propria tragedia. Quando ho saputo la notizia sono scoppiata a piangere, Davide era pieno di amici”. Fabia, residente in un’abitazione adiacente al parco, ha sempre avuto molta diffidenza nei confronti dell’omicida: “Non devono circolare nei nostri piccoli quartieri persone così pericolose. Non possiamo vivere tranquilli. Era burbero, con atteggiamenti scontrosi, col cane mai al guinzaglio”.

Difesa verso la perizia psichiatrica

Anche Marcello, amico di Davide cresciuto nello stesso quartiere e da due anni trasferitosi in zona “case Finali”, ha sempre avuto una visione negativa del 65enne: “Davide era un bravo ragazzo, non si perdeva mai d’animo neanche quando c’erano crisi in fabbrica. A fine ottobre ho notato frequenti litigi tra lui e Giuseppe. Erano stati interpellati amministratori di condominio, vigili... ma fino a quando non succede qualcosa, non interviene mai nessuno”. “Addirittura quattro o cinque anni fa - rivela Marcello - io e un altro amico gli dicemmo: ‘Davide stai attento che prima o poi te ne combina una...’ e così è andata”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il tir va troppo piano e insospettisce la polizia stradale, multato "furbetto" del cronotachigrafo

  • E45, in 5 in auto multati dalla Polizia stradale. 26 sanzioni anche per gli amici che arrivano in caserma

  • Ondata di furti nella notte, l'intera frazione sotto choc: sottosopra una decina di case

  • Cosa si può fare in 'zona arancione'? Le faq con le risposte a tutte le domande

  • Coronavirus, 100 nuovi positivi nel Cesenate. Si piangono altre 5 anziane vittime

  • Emilia Romagna a rischio zona rossa automatica, Bonaccini frena: "Quel limite non passerà"

Torna su
CesenaToday è in caricamento