La spesa per i cittadini al confine tra due comuni, il Ministero fa chiarezza sul decreto

I Comuni di Cesenatico e San Mauro sottolineano alcune informazioni importanti per i cittadini

Il Ministero dell’Interno ha fornito alcuni chiarimenti importanti legati al nuovo DPCM del 22 marzo. In attesa delle nuove FAQ che chiariranno molti dubbi e domande che in queste ore sono emerse ci sono intanto alcuni importanti chiarimenti, come sottolineano i Comuni di Cesenatico e San Mauro.

"É vietato spostarsi dal Comune in cui le persone si trovano tranne che per comprovate esigenze lavorative, di assoluta urgenza ovvero per motivi di salute. Chi si sposta per lavoro può rientrare alla sua abitazione e chi deve andare a fare la spesa può uscire dal Comune di residenza nel caso in cui il punto vendita sia più vicino e accessibile alla propria abitazione".

"Viste le tante richieste arrivate, - spiega il Comune di Cesenatico - coloro che risiedono nelle frazioni vicine all'Iper Rubicone potranno recarsi lì a fare la spesa. Esempio Villamarina, Valverde, Sala che sono di fatto più vicine all'Iper che ad altri supermercati".

Per quanto riguarda San Mauro, spiega il Comune "i cittadini di San Mauro Pascoli e San Mauro Mare potranno recarsi all'Iper. I cittadini di San Mauro Pascoli potranno recarsi all'Eurospin. Rimane fermo il divieto di andare all'Iper per i cittadini di Bellaria e Santarcangelo, a cui non è concesso uscire dalla zona rossa delineata dalla Regione".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Addio a Sergio Rossi, anche il 're' del calzaturiero tra le vittime del virus: "Una grande perdita"

  • Da giorni non si avevano sue notizie, anziano trovato morto nell'appartamento

  • Coronavirus, frenata nei contagi nel Cesenate: "solo" 14 in più. Ma c'è un altro decesso

  • Coronavirus, oltre 300 contagiati nel Cesenate. In Emilia Romagna sono più di 12mila

  • Centinaia di imprese chiedono di restare aperte: la prefettura sospende le prime 184 per "attività non essenziale"

  • Sono 740 i positivi in provincia, Cesena piange la sesta vittima del Coronavirus

Torna su
CesenaToday è in caricamento