rotate-mobile
Giovedì, 26 Maggio 2022
Cronaca Cesenatico

La protesta dei balneari, 5mila a Roma contro "una legge sbagliata". Gozzoli: "Solidarietà a chi è sceso in piazza"

Oltre 5.000 gli imprenditori balneari provenienti da tutta Italia, giovedì (10 marzo) in piazza Santi Apostoli a Roma, insieme a politici, molti sindaci e rappresentanti delle Istituzioni regionali

Oltre 5.000 gli imprenditori balneari provenienti da tutta Italia, giovedì (10 marzo) in piazza Santi Apostoli a Roma, insieme a politici, molti sindaci e rappresentanti delle Istituzioni regionali e locali, per la manifestazione organizzata dal Sib, il sindacato Italiano Balneari aderente a Fipe Confcommercio e Fiba Confesercenti per protestare contro la proposta di legge del Governo inserita nel ddl concorrenza che si propone di mettere a gara le aziende balneari.

“Si tratta di una proposta di legge sbagliata anche nel metodo - dichiara Antonio Capacchione, presidente del Sib - perché presentata senza alcuna concertazione con la categoria e senza alcuna condivisione con le Regioni e i Comuni che pur esercitano le funzioni in materia. Ma soprattutto è sbagliata nel merito perché non presuppone una preliminare attività conoscitiva sia dei beni pubblici che delle aziende private ivi insistenti; non prevede alcuna disciplina né periodo transitorio adeguato; non fa salvo gli atti di proroga già rilasciati dai comuni; non tutela il legittimo affidamento e la proprietà aziendale”.

Per il Sib è una proposta di legge ingiusta nei confronti di chi, come i balneari, hanno avuto il solo torto di credere ed aver fiducia nelle leggi dello Stato. "Inaccettabile che questa parte così importante del turismo italiano rischi di perdere lavoro ed aziende. Incomprensibile che il Governo abbia deciso di forzare la mano nonostante la contrarietà delle Organizzazioni sindacali di categoria, la non condivisione delle Regioni e dei Comuni, nonché la situazione di crisi internazionale. Parti lese di questa proposta sono anche le Regioni e i Comuni, titolari delle funzioni amministrative in materia, che sarebbero le controparti di contenziosi che si prospettano estesi e assai rilevanti con danni colossali. La situazione, è quindi, potenzialmente catastrofica non solo per le aziende ma per le Istituzioni e per l’economia del Paese. Ci auguriamo che il Parlamento corregga quello che il Governo ha incautamente proposto" conclude Capacchione.

Gozzoli: "Solidarietà a chi è sceso in piazza"

Solidale con la protesta il sindaco di Cesenatico Matteo Gozzoli: "Gli imprenditori balneari e le associazioni - ha scritto su Facebook - sono scesi in piazza a Roma per manifestare il loro dissenso in merito al testo della legge per le concessioni balneari da mettere a bando a partire dal 2024. Noi sindaci della Riviera riteniamo che vadano riconosciuto i giusti indennizzi alle imprese e abbiamo espresso nei giorni scorsi la nostra solidarietà evidenziando le criticità del testo e dei tempi stretti che metterebbero in difficoltà imprese, territori, famiglie e Amministrazioni Comunali".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La protesta dei balneari, 5mila a Roma contro "una legge sbagliata". Gozzoli: "Solidarietà a chi è sceso in piazza"

CesenaToday è in caricamento