rotate-mobile
Venerdì, 28 Gennaio 2022
Cronaca

La pizzeria dice addio, i proprietari dei locali: "Ma spesso concediamo più tempo e riduzioni del debito"

Cesena dice addio a "Pizzicato". Un addio che ha aperto una riflessione sulle difficoltà di chi opera oggi nel commercio e nei pubblici esercizi

Cesena dice addio a "Pizzicato", il ristorante pizzeria in viale Marconi 1047  che offriva la pizza della tradizione napoletana. Un addio che ha aperto una riflessione sulle difficoltà di chi opera oggi nel commercio e nei pubblici esercizi, su come si creano mode e tendenze e quali sono i gusti dei romagnoli.  A Tiziana e Giuseppe l’esperienza cesenate non è andata molto bene e si ferma qui. Dopo aver lavorato anche a Salerno e nelle zone più in della Toscana, Pietrasanta e Forte dei Marmi, la loro nuova scelta imprenditoriale sarà al Vomero (Napoli), nella ristorazione take-away.

"Ci siamo trovati molto bene a livello di ospitalità a Cesena – ha raccontato Tiziana, facendo un bilancio di quello che sono stati i suoi 4 anni di "Pizzicato" - quello che non è andato, forse, è un po' la chiusura di questa città e la carenza di una certa elasticità e visione metropolitana”. A pesare sulla ristorazione di Cesena c’è la forte stagionalità, con l’arrivo dell’estate che fa spostare i clienti verso il mare, ma anche un certo tradizionalismo che porta a preferire la cucina romagnola e la piadina anche quando è fatta da stranieri e magari con ingredienti di scarsa qualità. Anche la formazione delle tendenze è tipica delle piccole città: ci si concentra tutti nei medesimi locali per effetto della moda del momento, si spiegava. Tra i problemi elencati è anche una mancanza di elasticità dei proprietari dei locali, che non andrebbero a supporto delle difficoltà di chi esercita l’attività imprenditoriale. 

Chiude la pizzeria: "A Cesena manca la visione metropolitana"

Ma su quest’ultimo punto, a far sentire i proprietari dei locali – che spesso finiscono nel mirino anche delle associazioni di categoria del commercio – sono i proprietari dei locali in cui sta per chiudere “Pizzicato”: “La doverosa premessa è che un contratto di affitto prevede prestazioni corrispettive con l’obbligo di pagamento del canone a carico dell’affittuario. Nel momento in cui viene sottoscritto il contratto le parti sono libere di autodeterminarsi, firmando l’atto se le rispettive condizioni contrattuali sono effettivamente condivise: è stato liberamente sottoscritto un contratto di affitto evidentemente reputando congruo e condivisibile l’importo del canone di affitto concordato”. Insomma, l’affitto non è “una maledizione caduta dal cielo, ma frutto di un accordo tra le parti sottoscritto con atto pubblico”.

Purtroppo però, non sempre le cose vanno secondo le previsioni negli introiti mentre i costi fissi restano. Tuttavia i proprietari dei locali negano anche sulla “mancanza di  capacità di comprensione e sensibilità”, Infatti, spiegano che “nel prosieguo del rapporto contrattuale, riscontrando le difficoltà  dell’affittuaria, abbiamo pazientemente più volte concesso dilazioni di pagamento e riduzioni del debito a mezzo scritture private”. Insomma, anche i proprietari dei locali commerciali – spiegano – fanno la loro parte e non sono sordi alle esigenze imprenditoriali di chi esercita l’attività. Anche se spesso, per chi ha un'attività in proprio, resta un dialogo difficile.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La pizzeria dice addio, i proprietari dei locali: "Ma spesso concediamo più tempo e riduzioni del debito"

CesenaToday è in caricamento