La neve costa a Savignano oltre un milione di euro

Bilancio pesante quello del Comune di Savignano sul Rubicone che ha stimato in 1.225.000 euro l'importo dei danni causati dall'emergenza neve. Si tratta di una stima approssimativa

Bilancio pesante quello del Comune di Savignano sul Rubicone che ha stimato in 1.225.000 euro l'importo dei danni causati dall'emergenza neve. Si tratta di una stima approssimativa che potrà essere meglio precisata, informa il Responsabile dell'Area Tecnica del Comune, Daniele Capitani, con la normalizzazione delle condizioni atmosferiche, e in particolare l'innalzamento delle temperature. Il livello della neve che si è depositata sul territorio ha toccato tra i 70 e i 100 centimetri.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nel frattempo l'ufficio tecnico del comune ha quantificato in 765 mila euro gli importi di spesa per i servizi di pulizia e sgombero neve da piazze e strade di cui 125 mila per la pulizia comprendendo anche interventi di pronta emergenza per la rimozione di rami pericolanti e la fornitura di sale, e 640 mila per il ripristino dei manti stradali danneggiati dal gelo. La cifra restante, 460 mila euro, sarà destinata l ripristino dei danni causati agli edifici scolastici, prontamente ispezionati dal Servizio Lavori Pubblici e Manutentivi che ha riscontrato danni dovuti prevalentemente a infiltrazioni per congelamento dei pluviali. In particolare si renderanno necessari lavori di ripristino sulle scuole materne Aldo Moro, Valle Ferrovia e e Vittorio Emanuele II, sulla elementare Rio Salto e Dante Alighieri, sulla media Giulio Cesare.

L'emergenza neve ha richiesto la messa in campo di mezzi per la pulizia delle strade e lo sgombero della neve e di risorse umane. Dai 10 ai 15 mezzi a seconda della circostanze, bobcat con lama o pala, motolivellatrice, trattori con lame, semplici pale che hanno lavorato su 126 km lineari di strada, e dagli 8 ai 10 dipendenti comuni in forze al Servizio Tecnico e Manutentivo, hanno lavorato incessantemente per la pulizia delle strade e lo spargimento del sale con priorità di intervento presso gli edifici strategici come ospedale, scuole, stazione per almeno 18 giorni consecutivi (le prime operazioni hanno avuto inizio a mezzogiorno del 1^ febbraio e sono proseguite con la pulizia straordinaria dei parcheggi che sarà ultimata oggi).

Il livello della neve che si è depositata sul territorio ha toccato tra i 70 e i 100 centimetri, con temperature costantemente sotto lo 0 e punte fino a -7°, il ché ha reso più difficili le operazioni di pulizia, intervento e mantenimento in sicurezza dei principali percorsi di viabilità e accessi ai luoghi pubblici. Tali particolari condizioni di emergenza da subito evidenti hanno portato la convocazione di un tavolo di emergenza che ha coinvolto tutte le strutture presenti sul territorio (Protezione Civile Comunale, Vigili Urbani, Carabinieri, Associazioni di Volontariato quali la Pubblica Assistenza, gli Scout e dell'Acr) che hanno provveduto ad attivare un piano di lavoro e coinvolgere ulteriori unità operative. Nell'immediato è stata verificata la presenza sul territorio di persone anziane e/o sole che necessitassero di aiuto speciale, tramite un porta a porta sistematico ad opera di Polizia Municipale e Carabinieri. La ricognizione non ha rilevato criticità tali da attivare l'eventuale e previsto piano di emergenza. Quindi sono stati garantiti tutti quei servizi sanitari essenziali oltre che quelle attività di assistenza a domicilio (con somministrazione di cure e trasporto al centro dialisi) che altrimenti sarebbero state compromesse dal maltempo. I volontari hanno anche contribuito alla spalatura della neve con priorità agli accessi dei luoghi strategici per poi intervenire via via a seconda delle necessità che venivano riscontrate anche direttamente.

In carico all'Urp comunale – con il supporto di dipendenti comunali e di volontari – il prolungamento dell'apertura degli sportelli al pubblico dalle ore 8 alle ore 19 tutti i giorni compresi i festivi dal 1^ al 13 febbraio, con apertura straordinaria fino alle ore 24 di mercoledì 1 febbraio.

“Desidero ringraziare a nome dell'Amministrazione Comunale – dichiara l'Assessore ai Lavori Pubblici Matteo Tosi – tutti coloro che con il massimo impegno possibile, e mi riferisco in particolare ai dipendenti e ai volontari impegnati in prima linea nelle ore di emergenza, hanno affrontato con noi questa situazione, inattesa per le dimensioni e piuttosto unica nel carico di lavoro che ha comportato. Un lavoro fisico ma anche di coordinamento che è stato ottimamente svolto dal nostro Ufficio Lavori Pubblici. Ringrazio anche i cittadini che hanno affrontato a loro volta i disagi comprendendo l'impegno che stavamo affrontando. Sono contento di poter dire che questa prova è stata superata al meglio ma non è finita. Ci aspetta un intenso lavoro di recupero dei danni subiti, soprattutto con riferimento alle strade e agli edifici scolastici. Consapevoli del fatto che l'emergenza riguarda tutto il territorio, con difficoltà maggiori delle nostre nei comuni di collina, il nostro obiettivo è ora quello di ottenere nelle sedi opportune risorse economiche per affrontare almeno l'emergenza, per avviarci poi al ritorno verso la normalità”-

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Governo al lavoro per un nuovo Dpcm, si pensa a coprifuoco e altri limiti per i locali

  • Finisce l'incubo per la famiglia, dopo l'appello a "Chi l'ha visto" ritrovata la 17enne scomparsa

  • La palestra sfida il Dpcm: "Resto aperto, i clienti sono venuti ai corsi come un normale lunedì"

  • Ore di ansia per la famiglia, si moltiplicano gli appelli per una 17enne scomparsa: ma c'è il lieto fine

  • Si lascia cadere nella notte dal Ponte vecchio: recuperato il cadavere nel Savio

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento