"La Malatestiana un unicum in Italia", la Regione spinge Cesena capitale del libro: 40 i progetti

Lattuca: "Cesena ha una peculiarità unica nel panorama italiano, ha la biblioteca che ancor oggi rappresenta il più antico esempio di biblioteca monastico-rinascimentale conservata pressoché intatta sino ai nostri giorni"

Cesena si candida a capitale italiana del Libro 2021. In nemmeno un mese lo staff del sindaco e dell'assessore alla cultura hanno presentato un corposo dossier con la presentazione di oltre 40 progetti su tre tematiche: innovazione, inclusione sociale e sostegno alla lettura. Ma soprattutto è stata sottolineata l'importanza a livello mondiale della Biblioteca Malatestiana, la biblioteca più antica d'Europa, la prima a essere riconosciuta patrimonio dell'Unesco. Dal 16 settembre, data in cui è uscito il bando per la candidatura a capitale della lettura, Cesena si è subito messa al lavoro per ottenere le migliori credenziali da presentare alla giuria. E con Cesena non parliamo solo degli uffici del Comune, ma anche di imprenditori, di enti, di associazioni presenti sul territorio che, sensibili alla notizia, hanno voluto dare il loro contributo con spunti e solidarietà.

A sostenere la candidatura di Cesena anche la Regione Emilia Romagna rappresentata, questa mattina, dalla sua massima carica, il presidente Stefano Bonaccini e l'assessore alla cultura Mauro Felicori, intervenuti in un momento di presentazione alla Biblioteca con annessa visita al cantiere del terzo lotto della Malatestiana.

lattuca bonaccini nuova-2

"La cultura non è solo garanzia della qualità della vita - ha spiegato Bonaccini - ma anche un investimento, un pilastro importante dell'economia della nostra regione. Anche voi in Romagna lo sapete bene: quest'anno avete festeggiato Fellini, Pellegrino Artusi, il prossimo anno Dante. Ecco perché siamo pienamente convinti del sostegno alla candidatura di Cesena".

Domani verrà depositato il dossier con gli spunti per i progetti che certificano la solidità della candidatura, la prossima settimana verrà trovato un momento per entrare nel merito dei progetti. Poi dal 16 ottobre, giorno in cui scadrà il termine per candidarsi, al 30 novembre, la giuria esaminerà le varie candidature arrivate ( per ora si parla di Fano, Mantova e Trani, ma sicuramente ci saranno altre città) e dopo il 30 novembre verrà decretata la vincitrice del bando, ovvero la capitale del libro 2021.

"La nostra regione ha già ottenuto molti successi e questo può essere un tallone d'Achille per noi perché magari può favorire altre città che si trovano in regioni meno attive dal punto di vista culturale - ha spiegato il sindaco Enzo Lattuca - ma Cesena, a nostro avviso, ha una peculiarità unica nel panorama italiano che è la Biblioteca Malatestiana, la biblioteca che ancor oggi rappresenta il più antico esempio di biblioteca monastico-rinascimentale conservata pressoché intatta sino ai nostri giorni. Un esempio d'eccezione che allo straordinario retaggio storico del complesso monumentale-documentario quattrocentesco unisce un deciso impegno alla soddisfazione delle esigenze attuali. In più il 2021 sarà anche l'anno in cui verrà inaugurato il terzo lotto della Malatestiana, e inaugurarlo con una candidatura così importante sarebbe veramente un bellissimo regalo".

bonaccini-6

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Di progetti in cantiere ce ne sono veramente moltissimi, da quelli che Cesena ha sempre attivato come i gruppi di lettura, Nati per leggere per i bambini, letture per ipovedenti, biblioteche di quartiere, "A voce alta" in collaborazione con Coop a collaborazioni nuove che prevedono non solo eventi ma progetti anche più strutturati e duraturi come una versione di "Piazze di Cinema" specifica per film con sceneggiature tratte da libri.  A rispondere alla chiamata sono state anche le compagnie teatrali Raffaello Sanzio e Valdoca che hanno già in cantiere interessanti progetti legati alla parola.  Svelato anche il logo, ideato da Matilde studio di Cesena, che ha interpretato la candidatura come la possibilità di un'apertura, del percorso che la lettura aiuta a fare per migliorarsi. Nel logo viene raffigurato un libro con i classici colori di Cesena, bianco e nero, e una persona che cammina, spostandosi da una porta all'altra, ricordando così le sale della Biblioteca Malatestiana. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Governo al lavoro per un nuovo Dpcm, si pensa a coprifuoco e altri limiti per i locali

  • Ore di ansia per la famiglia, si moltiplicano gli appelli per una 17enne scomparsa: ma c'è il lieto fine

  • Finisce l'incubo per la famiglia, dopo l'appello a "Chi l'ha visto" ritrovata la 17enne scomparsa

  • Si lascia cadere nella notte dal Ponte vecchio: recuperato il cadavere nel Savio

  • Colto da un infarto sull'E45: sbatte contro il new jersey e muore

  • Coronavirus, nuova impennata di contagi: 23 casi nel cesenate e cinque decessi in regione

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento