La ditta Tecnoinfissi dona un defibrillatore al quartiere Borello

Domenica nella sede del quartiere Borello è avvenuta la consegna di un defibrillatore, generosamente donato dalla ditta Tecnoinfissi di Pievesestina in via delle albicocche

Domenica nella sede del quartiere Borello è avvenuta la consegna di un defibrillatore, generosamente donato dalla ditta Tecnoinfissi di Pievesestina in via Delle albicocche. Questo strumento, di cui il quartiere ne era completamente a oggi sprovvisto, ci si rende conto che è diventato essenziale, poiché si è costatato che il pronto intervento in caso di problemi cardiaci permette senz’ombra di dubbio il salvataggio di vite umane.

La dottoressa Patrizia Matassoni, responsabile del progetto“Codice Blu per salvare una vita” (defibrillazione precoce sul territorio) per l'Ausl di Cesena, ha illustrato com’è importante questo progetto, partito sul territorio nell’aprile 2003 su iniziativa del 118-Cesena Soccorso e dell’Unità Operativa Cardiologia dell’Ospedale Bufalini, allo scopo di promuovere una distribuzione il più capillare possibile di defibrillatori semi-automatici (DAE) per combattere la morte cardiaca improvvisa, che colpisce nel nostro territorio ogni anno circa 200 persone, e delle procedure rianimatorie. Dal quartiere i ringraziamenti alla ditta Tecnoinfissi nelle persone di Onofri Andrea e Domenichini Gabriele, che han dimostrato grande sensibilità in questa tematica.

A breve la Tecnoinfissi fornirà un altro defibrillatore per la parrocchia di San Paolo. Nel territorio cesenate ne son presenti un centinaio, e il centro di formazione del 118 si occupa della formazione di chi li userà: numeri destinati a salire già nei prossimi mesi per la volontà di dotare di questi preziosi strumenti sempre più strutture all’interno del territorio, dai principali centri sportivi oggi ancora sprovvisti e dalle aree di grande afflusso della città, come, ad esempio, i centri commerciali.

Compito del 118 all’interno del progetto “Codice Blu per salvare una vita” è promuovere la diffusione dei DAE sul territorio, dove possono essere utilizzati da personale non sanitario preparato attraverso appositi momenti formativi; a tal fine in questi anni sono state organizzate conferenze, convegni e incontri presso amministrazioni locali, associazioni di volontariato ed enti territoriali.

In questo progetto c’è la collaborazione dell’associazione Onlus Assocuore, il cui vice presidente Polini ha spinto per fornire lo strumento al nostro quartiere. Per dare impulso al progetto, Assocuore, in partnership con l’Ausl, ha deciso di promuovere una raccolta di fondi per l’acquisto di defibrillatori, attraverso un’opera di sensibilizzazione di tutti gli interlocutori del territorio, dalle Associazioni sportive ai privati.

Chiunque fosse interessato all’acquisto dei defibrillatori o alla formazione può rivolgersi direttamente ad essa (0547611169 o sito www.assocuore.net o info@assocuore.net). Ci si auspica un grosso afflusso di persone interessate al corso di formazione con patentino BLSD indetto dal quartiere Borello per la mattinata di sabato, dalle ore 08:30 alle 12:30, a Calisese presso la sede AVIS L’obiettivo è di formare almeno una ventina di volontari (anche della vicina Bora), che siano effettivamente reperibili al momento del bisogno sul territorio del quartiere.

Rimane ancora in sospeso la collocazione definitiva dello strumento, nei prossimi giorni sarà collocato in un luogo idoneo e centrale del paese; attualmente è stato consegnato al dottor Corrado Ruffilli. Le iscrizioni a questo corso sono aperte, ci si può rivolgere ai consiglieri Claudia Solfrini e Marco Zoffoli Marco. Dal quartiere anche un ringraziamento particolare a Ruffilli e Philippe Tuteleers, volontario de l'Ass. Misericordia per aver fortemente voluto e attivato il progetto stesso.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Porta un "Oktoberfest" a Cesena, dopo tanta 'cultura' in giro per l'Europa apre la birreria

  • Cesenatico, caccia all'affare: il Comune mette all'asta quattro case

  • Si cerca un nuovo proprietario per l'hotel, la base d'asta è 1,8 milioni di euro

  • Ospedale Bufalini, nuovo riconoscimento internazionale per la Neurochirurgia

  • Bloccarono i cancelli dell'azienda: "Per 14 lavoratori licenziamento definitivo, pronta la causa"

  • Pago e Rice tra gli attori, parte "Dittatura last minute": viaggio nella Romania di Ceausescu

Torna su
CesenaToday è in caricamento