rotate-mobile
Giovedì, 20 Gennaio 2022
Cronaca

L'impegno del Rotary contro la violenza sulle donne "E' sete di dominio"

La manifestazione organizzata dal Rotary Distretto 2072 e Rotary Club Valle del Rubicone in occasione della Giornata mondiale contro la violenza sulle donne

È stato un grande momento di riflessione e approfondimento la manifestazione pubblica organizzata dal Rotary Distretto 2072 e Rotary Club Valle del Rubicone in occasione della Giornata mondiale contro la violenza sulle donne tenutasi, sabato 23 novembre 2019 a Cesena, presso il Technogym Village. All'evento sono intervenuti: il Governatore del Distretto Rotary 2072 Angelo O. Andrisano, il consigliere regionale dell'Emilia Romagna Lia Montalti, lo psichiatra Vittorino Andreoli, il Presidente del Comitato Italiano Paralimpico (CIP) dell'Emilia Romagna Melissa Milani, e l’onorevole Lucia Annibali. A condurre l'evento è stato chiamato Gigi Riva, editorialista del Gruppo Espresso.

Dopo i saluti del Governatore Andrisano, e del "padrone di casa" Pierluigi Alessandri, che assieme al fratello Nerio ha creato 36 anni fa, la Technogym, oggi multinazionale leader del mercato in cui compete, la manifestazione è entrata nel vivo con la relazione di Vittorino Andreoli. Lo psichiatra ha spiegato, alle oltre 300 persone intervenute all'evento, che "la violenza sulle donne non nasce da un disturbo mentale, ma da una civiltà in agonia. Lo stimolo che muove l’attore di violenza  non è il desiderio sessuale, ma piuttosto un istinto di predazione, un desiderio di dominio del più forte sul più debole. L’uomo moderno non dimostra di essere un “homo sapiens sapiens” (due volte sapiente) se nelle nostre società si svolgono rapporti di predatore-preda". 

"La nostra società ha necessità di ritrovare la supremazia del NOI sull'IO, di costruire un nuovo umanesimo. Andreoli sollecita a difendere la nostra civiltà che ha visto la prima donna laureata nella storia dell'umanità l'italiana Elena Lucrezia Cornaro Piscopia, avendo ottenuto la laurea in filosofia all'Università di Padova nel 1678. Se difendiamo i valori della nostra civiltà allora difenderemo anche la donna. Le società evolute hanno il compito di educare alla relazione e alla cooperazione, al rispetto dell’essere umano". Lucia Annibali, dopo un breve e intenso cortometraggio che racconta la sua storia di violenza subita, ha esposto con grande umanità e determinazione ciò che compie ogni giorno per sensibilizzare l'opinione pubblica sul tema oggetto dell'intervento. Melissa Milani ha ricordato come nella sua carriera da arbitro abbia, purtroppo, riscontrato anche diversi atti discriminatori verso le donne. Lia Montalti ha sottolineato l'impegno delle istituzioni per la difesa delle donne, le pari opportunità e la diffusione di una cultura del rispetto. Rodolfo Baldacci presidente del Rotary Club Rubicone, in apertura dell'evento, e Alessio Avenanti presidente Rotary Club Cesena, a chiusura dei lavori, hanno espresso grande soddisfazione per l'alta partecipazione all'iniziativa ricordando insieme al Governatore Andrisano l’impegno concreto del Rotary nel promuovere cambiamenti positivi nelle nostre comunità.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'impegno del Rotary contro la violenza sulle donne "E' sete di dominio"

CesenaToday è in caricamento