menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

L'ex hotel venne suddiviso in appartamenti di lusso: dopo il sequestro milionario parte il processo

L'indagine, curata dall'allora Corpo Forestale dello Stato, poi confluito nei Carabinieri, mise nel mirino l'operazione immobiliare ipotizzando il reato di “lottizzazione abusiva”

E' entrato nel vivo, al Tribunale di Forlì, il processo che nasce da un maxi-sequestro del 2017 a Cesenatico dell'ex hotel Riviera, che venne suddiviso in 23 costose unità immobiliari sul lungomare. L'indagine, curata dall'allora Corpo Forestale dello Stato, poi confluito nei Carabinieri, mise nel mirino l'operazione immobiliare ipotizzando il reato di “lottizzazione abusiva”, in quanto – secondo l'accusa - un hotel non poteva sostanzialmente essere trasformato in un residence di lusso. Un affare milionario, con acquirenti da tutta la Romagna che acquistarono gli immobili anche per un importo superiore al milione di euro per quanto riguarda gli appartamenti più pregiati come l'attico. Poi tutto finì sotto sequestro, compresi gli immobili già comprati e pronti per essere usati per le vacanze dei nuovi acquirenti.

Per tutto questo è partito il processo, davanti al giudice Elisabetta Giorgi,a carico di 14 persone: il costruttore, un notaio e diversi acquirenti degli immobili. Molto ingente il valore degli immobili sequestrati, per diversi milioni di euro. Il processo si snoda su diverse questioni tecniche urbanistiche relative ai documenti autorizzatori dell'intervento edile. L'accusa è sostenuta dal pm Filippo Santangelo. Le difese sono sostenute invece dagli avvocati Carullo, Spinelli, Valgiusti, Mattei, Principato, Martines, Romagnoli, Nicolicchia e Loretti. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Benessere

I 5 DPI più efficaci per contrastare il Covid-19

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento