menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sanità, la Cgil contro Lucchi: "Invece di ringraziare Renzi, ringrazi i lavoratori"

La stabilizzazione dei lavoratori precari dell'Irst, l'istituto di ricerca sui tumori di Meldola, è un successo? No, un atto già previsto che essendo arrivato "in ritardo" diminuisce le tutele agli ultimi lavoratori stabilizzati. E' la presa di posizione della Cgil

La stabilizzazione dei lavoratori precari dell'Irst, l'istituto di ricerca sui tumori di Meldola, è un successo? No, un atto già previsto che essendo arrivato “in ritardo” diminuisce le tutele agli ultimi lavoratori stabilizzati. E' la presa di posizione del sindacato della Funzione Pubblica della Cgil di Forlì, che critica una presa di posizione del sindaco di Cesena Paolo Lucchi, che è anche presidente della conferenza socio-sanitaria romagnola.

La FP Cgil parla di mistificazione: “Al Presidente della Conferenza Socio Sanitaria (Sindaco Lucchi), diciamo che la trasformazione da CO.CO.PRO o da Partita Iva ad assunzioni a tempo determinato o indeterminato delle 86 figure professionali, era dovuta già da tempo, come da nostra rivendicazione e che il ritardo con cui avviene ha solo ridotto i diritti per i 17 lavoratori con contratti a tutele crescenti del Jobs Act rispetto ai 46 operatori stabilizzati nel 2013. Invece di mandare una lettera per ringraziare il Presidente Renzi per una norma che ha solo penalizzato i lavoratori, dovrebbe semplicemente ringraziare i professionisti e gli operatori che in questi anni hanno fatto la differenza per qualificare questo Istituto. Gli stessi lavoratori che con la loro professionalità e determinazione hanno dato forza alle organizzazioni sindacali per sostenere un confronto costruttivo con la Direzione IRST”.

Sull'accordo trovato, la FP CGIL “esprime soddisfazione per il risultato ottenuto dal confronto fra le parti che ha portato al protocollo con cui, si iniziano a delineare diritti e procedure di carriera per la professione di ricercatore, fino ad ora non previste da alcuna forma contrattuale sia pubblica che privata. Tale risultato è per noi ancora più importante in quanto conseguito dopo circa 3 anni di lavoro portato avanti con i 3 Direttori Generali che si sono avvicendati, nessuno dei quali aveva partecipato agli accordi istitutivi dell’ IRST Srl 2008, in cui vi erano espressi gli obiettivi per il personale ed i relativi tempi di realizzazione”.


“Ci piace ricordare che la discussione su come procedere, a quale contratto pubblico della sanità collegarci per inserire l'integrativo relativo ai ricercatori è iniziata a Giugno - Luglio 2013 dopo aver realizzato un altro importantissimo obbiettivo la trasformazione a tempo indeterminato di tutti i contratti a tempo determinato che avevano superato i 36 mesi, in totale 46 operatori. Il Patto per il Lavoro siglato da Regione Emilia Romagna, Associazioni di Categoria, Sindacati Confederali, Enti Locali ed Università ha influito positivamente nella definizione di questo accordo sindacale, che ha visto l’assenso dell’Assessore Regionale alla Sanità. Infatti il Patto per il Lavoro riconosce che la contrattazione è lo strumento utile allo sviluppo e alla valorizzazione del lavoro”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Benessere

I 5 DPI più efficaci per contrastare il Covid-19

social

Piccoli ma sorprendenti: i musei più curiosi dell'Emilia Romagna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento