Martedì, 22 Giugno 2021
Cronaca

'Io apro', l'agriturismo ribelle che ha accolto 58 clienti multati: "E' una protesta per la sopravvivenza"

"E' stata una protesta per la sopravvivenza. Vogliamo sopravvivere e queste misure stanno costringendo molti a chiudere le attività. Dai clienti tanta solidarietà"

Ha lasciato strascichi e sanzioni anche nel Cesenate l'iniziativa "Io apro", la protesta del mondo della ristorazione nata sui social e diffusasi a macchia d'olio un po' in tutta Italia. C'è da dire che a livello locale la maggior parte dei ristoranti ha scelto la via di una forma di dissenso simbolica, come il flash mob di venerdì sera, organizzato da alcune attività del centro storico di Cesena.

La pizzeria ribelle di Cesena

Ma c'è anche chi ha deciso di violare il Dpcm che consente solo asporto e consegna a domicilio, aprendo le porte ai clienti che hanno riassaporato il piacere di sedersi a tavola. E' il caso dell'agriturismo "Capra e cavoli" di Montiano che ha scelto la strada più intransigente della protesta. Sabato sera tavoli apparecchiati per 30 clienti, domenica a pranzo stesso copione, con 28 commensali. Ma al locale in entrambe le occasioni si sono presentati anche i Carabinieri della stazione di Gambettola, che hanno sanzionato i clienti per la violazione del divieto di spostamento dal comune di residenza. Per la titolare, invece una denuncia per inosservanza dei provvedimenti dell'autorità "per essersi rifiutata di interrompere l'attività, quando in occasione del primo controllo, le è stata intimata la chiusura".

E' la stessa titolare che puntualizza di "non aver ancora ricevuto la notifica di sanzioni" a spiegare le ragioni della protesta e il messaggio che gli aderenti vogliono veicolare. "E' stata una protesta per la sopravvivenza. Vogliamo sopravvivere e queste misure stanno costringendo molti a chiudere le attività. E' una situazione drammatica ad esempio per un locale come il mio, che ho aperto con tanti sforzi solo due anni fa". L'agriturismo non accoglieva i clienti, nel rispetto della normativa, da ottobre: "Nel periodo natalizio ci aspettavamo una boccata d'ossigeno che non c'è stata, molti locali non riescono più a sostenere le spese correnti".

Dai clienti, spiega la titolare dell'agriturismo "è arrivata tanta solidarietà e aiuto concreto. Hanno aderito consapevolmente all'iniziativa sapendo a quello che andavano incontro.  Serviva una protesta forte per smuovere la situazione - sottolinea - le iniziative simboliche servono a poco". Poi sottolinea il tatto delle forze dell'ordine: "Hanno fatto solo il loro dovere". 

"Il rammarico è che si può lavorare in sicurezza, soprattutto in una struttura come la mia, con i tavoli distanziati di un metro e dieci e massimo 4 persone a tavolo. La speranza è che qualcosa possa cambiare".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

'Io apro', l'agriturismo ribelle che ha accolto 58 clienti multati: "E' una protesta per la sopravvivenza"

CesenaToday è in caricamento