rotate-mobile
Domenica, 14 Agosto 2022
Cronaca

Interviste a pagamento, ora si cercano i politici per il peculato

n base alle risposte avute dalla Guardia di Finanza dalle 54 emittenti interpellate, ammontano a tre le emittenti che hanno fatto queste interviste a pagamento a consiglieri regionali dell'Emilia-Romagna

Si cercano ora formalmente i politici che hanno usufruito delle trasmissioni tv per le interviste a pagamento. L'indagine vira verso i consiglieri regionali, ora. In base alle risposte avute dalla Guardia di Finanza dalle 54 emittenti interpellate, ammontano a tre le emittenti che hanno fatto queste interviste a pagamento a consiglieri regionali dell'Emilia-Romagna. Nei giorni scorsi la Finanza si è presentata nella sede di TeleRomagna a Cesena e Videoregione a Forlì.

Secondo quanto riporta l'Ansa, le fatture relative alle interviste sono intestate ai gruppi consiliari e quindi non è possibile, per ora, stabilire chi erano gli "ospiti a pagamento". I loro nomi non sono stati indicati dalle tv, che hanno indicato solo il nome delle trasmissioni alle quali hanno preso parte. Andranno comunque avanti gli accertamenti della Finanza, che rientrano nell'inchiesta del Pm di Bologna Antonella Scandellari che ipotizza il peculato contro ignoti. Visto che le tv devono conservare le registrazioni delle trasmissioni solo per tre mesi, è possibile che la finanza se le faccia dare dal Corecom, il comitato regionale di controllo per le comunicazioni, che le conserva tutte.

Vedendo le registrazioni si potrà capire chi ha partecipato. Inoltre c'è la possibilità di andare ai vari gruppi politici per avere, se ci sono, i nominativi di chi ha partecipato di volta in volta alle trasmissioni. Una violazione della destinazione di scopo delle somme a disposizione dei gruppi consiliari potrebbe esserci se un consigliere partecipasse a titolo individuale, facendo poi fatturare la sua partecipazione a pagamento al gruppo. Anche la Procura della Corte dei conti ha comunque aperto un fascicolo sul tema: i soldi per le interviste a pagamento sono risorse pubbliche, che la Regione stanzia ai gruppi consiliari e che vanno rendicontate. L'ordine dei giornalisti ha invece aperto procedimenti disciplinari, con relative convocazioni, per quattro giornalisti.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Interviste a pagamento, ora si cercano i politici per il peculato

CesenaToday è in caricamento