Cesena scommette sulle nuove tecnologie: internet sempre più veloce

Maggiore diffusione territoriale dell'accesso ad internet veloce e superveloce, sviluppo dell'alfabetizzazione digitale delle famiglie e delle imprese

Maggiore diffusione territoriale dell’accesso ad internet veloce e superveloce, sviluppo dell’alfabetizzazione digitale delle famiglie e delle imprese, garanzia del diritto di accesso ai servizi digitali e ai dati. Sono questi gli aspetti principali su cui punta la nuova convenzione, riferita ai prossimi 5 anni di attività del Community Network Emilia-Romagna, a cui il Comune di Cesena ha appena dato la sua adesione. E Cesena parte già in posizione avanzata, come attestano anche alcuni recentissimi studi condotti dalla Regione Emilia - Romagna a livello regionale e nazionale che hanno permesso di delineare il profilo digitale della nostra città.

“Crediamo fortemente – sottolinea il Sindaco Paolo Lucchi –   che le tecnologie informatiche rappresentino uno strumento fondamentale per gestire in modo intelligente e sostenibile le risorse del territorio e per garantire risposte veloci e soddisfacenti alle esigenze della cittadinanza. Per questo, già da anni abbiamo puntato a sviluppare soluzioni innovative che rendano più facile l’accesso alla rete  e il rapporto telematico con gli uffici comunali: penso, ad esempio al wifi gratuito, ormai esteso a una ventina di aree, ai numerosi servizi a cui si può accedere dal proprio computer, al dialogo diretto con i cittadini sviluppatosi grazie ai social network. I risultati ottenuti finora sono davvero positivi e credo che grazie al futuro lavoro della Community Network Emilia-Romagna, alla condivisione con gli altri enti del territorio di politiche e strategie favorirà il processo di innovazione digitale e consentirà di alimentare la crescita, di risparmiare effettuando economie di scala e di consolidare il metodo delle migliori pratiche e del riuso delle soluzioni”.

Il profilo digitale di Cesena
Sotto l’aspetto delle possibilità di accesso alla rete Cesena può contare su una copertura superiore a quella di altri territorio: stando ai dati forniti da Telecom Italia e da operatori WISP, infatti, la situazione generale del territorio comunale di Cesena presenta una stima di copertura ADSL su rete fissa che, ad aprile 2013, era in grado di servire il 95% della popolazione. Se si considerano anche Hiperlan e WiMax (tecnologie che consentono l'accesso a reti di telecomunicazioni a banda larga senza fili) la percentuale sale al 99%, dato più alto della media provinciale che si ferma al 97%.

Ma per colmare ulteriormente il digital divide sono già in cantiere varie azioni, tra le quali è di particolare rilievo la recente intesa tra la Regione ed il Ministero dello Sviluppo Economico che, con un intervento complessivo da 46 milioni di euro, mirata raggiungere il superamento definitivo del divario digitale nel giro di alcuni anni.

Ma se la diffusione della rete è un passo indispensabile per garantire l'inclusione nel mondo digitale delle famiglie e delle aziende, è altrettanto importante fare leva su formazione, semplificazione e potenziamento dei servizi offerti.

Già ora Comune di Cesena, tramite i suoi canali di comunicazione digitale, mette a disposizione dei cittadini un grande numero di servizi a partire da quelli informativi e legati alla trasparenza, con la pubblicazione sul sito comunale di delibere, procedimenti amministrativi, contatti degli amministratori, video delle sedute del Consiglio Comunale, segnalazioni o reclami, ma anche con la presenza su twitter e facebook.

Da sottolineare, fra l’altro, che Cesena è uno dei Comuni con più ‘fan’ sui social network: infatti, risulta al nono posto nella classifica nazionale assoluta dei comuni Italiani con più cittadini collegati alla pagina facebook registrandone ben 10.031 (Blogmeter, 2013).

Anche dal punto di vista dei servizi, il Comune di Cesena si distingue per la completezza delle opportunità digitali fornite: già oggi grazie agli oltre 60 procedimenti telematici (certificati anagrafici on-line, iscrizione ai nidi, pagamento contravvenzioni, …) messi a disposizione dal Comune,  la copertura offerta si aggira intorno al 79%, mentre la media dei più importanti comuni regionali si attesta sul 64%.

Cesena si dimostra all’avanguardia anche sul fronte del diritto di accesso ai dati. Infatti, risulta essere  uno dei cinque comuni emiliano-romagnoli che tra il 2012 e il 2013 hanno messo on line un portale open data. Non solo: con la pubblicazione di 308 dataset (relativi ad un vastissimo ventaglio di informazioni, riferite ad Ambiente, Attività edilizia, Bilancio, Cartografia, Censimento, Economia, Incidenti, Lavoro, Popolazione, Servizi, Territorio, Viabilità), il Comune di Cesena supera di gran lunga la media degli altri Comuni, che si aggira intorno alle 67 unità.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La nuova convenzione per la Community Network Emilia-Romagna
La Community Network Emilia-Romagna è  la rete interistituzionale nata nel 2008 nell’ambito del Piano Telematico regionale con lo scopo di consentire a tutti gli enti emiliano-romagnoli di disporre dei medesimi strumenti, vantaggi ed opportunità offerti dalle tecnologie informatiche  per favorire la crescita dei processi di e-government. La convenzione attuale fa seguito a quella stipulata nel 2008 e che in questi cinque anni ha visto il lavoro congiunto tra le amministrazioni dell’Emilia Romagna con l’obiettivo comune di portare avanti, in modo condiviso, il processo di innovazione digitale per la crescita complessiva del territorio. Grazie al lavoro finora svolto si sono poste le basi per un più ampio processo di cambiamento nel modo di «fare Pubblica Amministrazione», facilitando la definizione e la sistematizzazione dei pilastri del nuovo modello integrato di PA digitale dell’Emilia-Romagna (MAD, Modello di Amministrazione Digitale). Esso rappresenta uno scenario organizzativo di rete digitale tra le amministrazioni, in cui sarà possibile, condividendo le informazioni, interconnettere servizi e sviluppare economie di scala. E tra le chiavi a cui maggiormente il progetto fa riferimento e sulle quali farà leva perché il fenomeno dell’innovazione riesca a decollare, ci sono, appunto, la diffusione territoriale dell’accesso ad internet veloce e superveloce, l'alfabetizzazione digitale delle famiglie e delle aziende,  il diritto di accesso ai servizi alla persona ed alle imprese, il diritto di accesso ai dati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Governo al lavoro per un nuovo Dpcm, si pensa a coprifuoco e altri limiti per i locali

  • Finisce l'incubo per la famiglia, dopo l'appello a "Chi l'ha visto" ritrovata la 17enne scomparsa

  • Ore di ansia per la famiglia, si moltiplicano gli appelli per una 17enne scomparsa: ma c'è il lieto fine

  • Si lascia cadere nella notte dal Ponte vecchio: recuperato il cadavere nel Savio

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • Prezzi delle case vacanza, Cesenatico sul podio. Come il Covid influenza il mercato immobiliare

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento