Venerdì, 18 Giugno 2021
Cronaca

Internet più veloce, passo dopo passo il divario digitale si restringe

L’obiettivo finale della Regione è quello di dotare tutti i cittadini di una connessione Internet a banda larga della velocità di almeno 2 Megabit per secondo entro la fine del prossimo anno

Passo dopo passo il divario digitale si restringe. L’obiettivo finale della Regione è quello di dotare tutti i cittadini di una connessione Internet a banda larga della velocità di almeno 2 Megabit per secondo entro la fine del prossimo anno. Un traguardo non facile se si tiene conto che raggiungere le case più lontane, in collina e in montagna, non è agevole e, per gli operatori, nemmeno conveniente dal punto di vista economico. Per questo l’intervento del settore pubblico è indispensabile. L’utilizzo di una linea Internet veloce infatti, è ormai una necessità primaria tanto per le aziende quanto per i cittadini.

Giovedì scorso la Regione Emilia-Romagna, la società Lepida, suo “braccio operativo” per la banda larga, e Telecom Italia hanno firmato un memorandum comune valido per i prossimi tre anni. L’accordo interesserà 70 centrali telefoniche della regione e, per ampliare ulteriormente i collegamenti, prevede anche l’utilizzo delle future reti cellulari di quarta generazione (Lte, tecnologia che a breve prenderà il posto dell’Umts).

“L’accordo firmato giovedì – commenta il consigliere regionale Damiano Zoffoli – è solo l’ultimo di una lunga serie di atti messi in campo dalla Regione per garantire un accesso a Internet veloce a tutti i cittadini. Iniziative che hanno fatto scendere il digital divide in provincia di Forlì-Cesena dal 12 per cento del 2007 al 9,8 del 2011. Ora, queste nuove ulteriori misure estenderanno il servizio Adsl in diversi comuni del forlivese e del cesenate già entro la fine di questo anno”.

Secondo i piani, messi a punto da Regione e Lepida in accordo con la Provincia di Forlì-Cesena, in alcune zone sarà estesa la copertura Adsl sul territorio, mentre in altre già coperte dal servizio sarà potenziata la banda disponibile in centrale, aumentando così la velocità di trasmissione e il numero di utenti connessi. Nel primo caso saranno interessati il comune di Montiano e la frazione Boscarelle, tra il comune di Bagno di Romagna e quello di Santa Sofia. Nel secondo, Lepida interverrà nel forlivese a Tredozio, San Colombano, Civitella, Cusercoli, Modigliana, Santa Sofia e, nel cesenate, a San Piero in Bagno e Longiano. Nel comune di Modigliana, invece, verranno effettuati entrambi gli interventi.

La fibra ottica di Lepida raggiungerà poi le sedi istituzionali dei Comuni di Montiano, Sogliano al Rubicone e Verghereto, oggi coperti da servizi in tecnologia Hdsl, e da qui potranno diramarsi dei punti di accesso locali (Pal). L’infrastruttura a fibra ottica poi, che oggi raggiunge San Piero in Bagno, sarà prolungata fino ad Alfero di Verghereto con fondi del Piano di sviluppo rurale.

Nelle colline forlivesi, verranno portate a compimento le infrastrutture wireless per coprire con la banda larga senza fili le frazioni di Portico di Romagna, Bocconi e San Benedetto in Alpe (il fornitore dei servizi sarà scelto a breve), mentre alcune frazioni di Premilcuore e, nel cesenate, Verghereto, saranno coperte dalla futura “Dorsale radio sud” in corso di progettazione sul crinale appenninico.
In un secondo tempo, e comunque entro la fine del 2013, la rete Wireless per il trasporto di banda sarà estesa per raggiungere le frazioni di Trivella, Predappio Alta, San Cassiano, San Savino e Tontola nel comune di Predappio.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Internet più veloce, passo dopo passo il divario digitale si restringe

CesenaToday è in caricamento