rotate-mobile
Mercoledì, 5 Ottobre 2022
Cronaca

Prima campanella, il messaggio del Vescovo: "C'è una emergenza educativa, la scuola deve affrontare una sfida"

"Una scuola che oggi intende assumere in pieno la sua funzione educativa è una scuola che ripensa complessivamente il suo progetto", le parole del Vescovo

Il Vescovo della Diocesi di Cesena-Sarsina Douglas Regattieri diffonde un messaggio indirizzato ai ragazzi, ma anche a tutta la comunità, l'occasione è l'imminente inizio dell'anno scolastico. "In questo cambiamento d’epoca che stiamo vivendo, l’educazione risulta essere un tema centrale e costituisce sicuramente la dimensione che più di ogni altra può incidere nel processo sinodale nel quale ci siamo inseriti da un anno a questa parte", scrive il Vescovo.

"L’educazione infatti è un processo che coinvolge tutti, nessuno escluso - si legge nel messaggio - capace di abbracciare le relazioni intergenerazionali e coinvolgere tutti i soggetti sociali ai diversi livelli: la famiglia, la scuola, la comunità civile ed ecclesiale, le associazioni e i gruppi. Educazione e sinodalità si richiamano necessariamente. Parlare di scuola significa approdare al grande tema dell’educazione. E l’educazione implica procedere per la via sinodale. Anche la scuola ha il compito di educare, oggi più che mai. La scuola educa attraverso la cultura, mostrandone il carattere vitale e facendo assaporare ai più giovani la ricchezza che essa ha in ordine alla crescita dell’umanità di ciascuno. La cultura dà gli strumenti per capire la realtà e per interagire con essa; ma dà anche le chiavi per comprendere la propria umanità; dà parole per narrare la propria vita, metterla in comunicazione con gli altri, renderla disponibile al confronto e quindi al suo affinamento e arricchimento. Oggi la scuola deve affrontare una vera e propria sfida educativa. Siamo dentro a un’emergenza educativa. Una scuola che oggi intende assumere in pieno la sua funzione educativa è una scuola che ripensa complessivamente il suo progetto. Uno dei segnali della crisi dell’educazione nella scuola è nella scarsa disponibilità degli adulti a mettersi in gioco, a fare squadra per costruire un progetto educativo efficace e condiviso. Fare squadra: cioè sinodalità!".

"Il mese di settembre registra - prosegue ancora il Vescovo - nel calendario civile, l’inizio delle attività scolastiche, di ogni ordine e grado. Vi sono coinvolti migliaia di bambini e ragazzi, centinaia di insegnanti, tantissime famiglie, molte persone che alla scuola a vario titolo dedicano la loro fatica quotidiana mettendo a disposizione degli altri competenze e professionalità. Mi rivolgo alla comunità diocesana e primariamente ai ragazzi. Alla prima vorrei dire che, vivendo nel mondo e per il mondo, essa non può disinteressarsi di una realtà così cruciale per il bene di tutti come la scuola, se è vero - come dice il Concilio - che “Le gioie e le speranze, le tristezze e le angosce degli uomini d'oggi, dei poveri soprattutto e di tutti coloro che soffrono, sono pure le gioie e le speranze, le tristezze e le angosce dei discepoli di Cristo, e nulla Vi è di genuinamente umano che non trovi eco nel loro cuore” (GS, 1); ai secondi ripeto quanto papa Francesco disse a 6mila giovani del Graal e Cavalieri: «Il mondo si può cambiare se apriamo il cuore agli altri, mai rispondere al male con il male». E questo si può fare anche nella scuola. Ai fratelli e alle sorelle adulti impegnati nell’attività educativa della scuola l’invito del pastore è di svolgere tale attività con passione, con amore e con generosità. Ciò risponde anche alla loro vocazione umana e cristiana. Educare è infatti un gesto di carità; ciò vale per gli insegnanti credenti e non credenti. Educare, far crescere, preparare i giovani ad affrontare il futuro è sempre un gesto di amore, perché finalizzato al bene comune, al progresso culturale, sociale e spirituale della comunità. Buon anno scolastico, dunque, a tutti!", conclude il Vescovo Douglas Regattieri.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Prima campanella, il messaggio del Vescovo: "C'è una emergenza educativa, la scuola deve affrontare una sfida"

CesenaToday è in caricamento