rotate-mobile
Mercoledì, 8 Dicembre 2021
Cronaca

Influenza, vaccinazione in gravidanza: "Protegge la mamma e il bambino"

"il Ministero della Salute mette al primo posto tra le categorie a rischio per le quali è indicata la vaccinazione contro l’influenza le donne in gravidanza"

In gravidanza la vaccinazione antinfluenzale vale doppio: protegge la mamma e protegge il bambino. “Quest’anno – spiega il dottor Patrizio Antonazzo direttore dell’unità Operativa Ostetricia e Ginecologia dell’ospedale Bufalini di Cesena - il Ministero della Salute mette al primo posto tra le categorie a rischio per le quali è indicata la vaccinazione contro l’influenza le donne in gravidanza, e la raccomanda per tutto l’arco dei novi mesi” .

"L'influenza - spiega il dottor Antonazzo - è una malattia respiratoria che può manifestarsi in forme di diversa gravità e che, in alcuni casi, può comportare il ricovero in ospedale e anche la morte. Le complicanze gravi includono polmonite virale, polmonite batterica secondaria e peggioramento delle condizioni mediche sottostanti. Nella popolazione delle donne gravide l’influenza stagionale aumenta il rischio di ospedalizzazione materna, prematurità, parto cesareo, stress fetale, basso peso alla nascita e interruzione di gravidanza. Anche nei neonati al di sotto dei 6 mesi di vita l’influenza aumenta il rischio di malattia severa e complicanze. In gravidanza, il vaccino antinfluenzale rimane la strategia migliore per prevenire l’infezione, la sintomatologia associata, le complicanze e il ricorso a farmaci. Inoltre, la vaccinazione aumenta il titolo di anticorpi presenti alla nascita sia nel sangue materno sia nel sangue cordonale, fornendo protezione al neonato nei primi mesi di vita.

Ma perchè una donna in gravidanza è più esposta a possibili complicanze da influenza? "I dati che derivano da Paesi ad alto sviluppo indicano che la donna in gravidanza è a maggior rischio di complicanze da influenza, in confronto sia con le donne non gravide in età fertile sia con la popolazione generale. La suscettibilità ai danni derivati dall’influenza tende ad essere differente in base all’epoca gestazionale. In linea generale il rischio maggiore di polmonite, scompenso cardiaco, miocardite ecc si verifica nel secondo e terzo trimestre. Questo elevato rischio è correlabile alle numerose modificazioni fisiologiche, in particolare cardiovascolari, respiratorie e immunitarie, che avvengono durante la gestazione. Esistono inoltre dati scientifici che suggeriscono che la febbre nel periodo periconcezionale o nelle prime settimane di gravidanza possa avere un potenziale effetto negativo con sviluppo di schisi orale, difetti cardiaci congeniti e difetti del tubo neurale".

Nelle donne in gravidanza la vaccinazione è sicura?  "Il vaccino anti-influenzale è sicuro per la mamma e per il nascituro. Non sono mai state evidenziate associazioni tra vaccino e effetti negativi sulla donna, complicanze ostetriche né rischi di sviluppo di malformazioni fetali.In particolare, la raccomandazione è di vaccinare, ad ogni gravidanza, tutte le donne nel periodo di circolazione del virus, indipendentemente dal trimestre".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Influenza, vaccinazione in gravidanza: "Protegge la mamma e il bambino"

CesenaToday è in caricamento