Serie di truffe, le indagini dell'Arma portano ad individuare i responsabili

Una coppia ha aperto nel giugno del 2016 e a febbraio due conti correnti on-line in un noto istituto di credito, all’insaputa e ai danni di una cinquantasettenne

I Carabinieri di Roncofreddo, al termine di indagini, hanno denunciato in stato di libertà per truffa un quarantasettenne residente nel torinese, con numerosi precedenti sempre per il medesimo reato. L'individuo aveva posto sul web in vendita attraverso un noto portale di compravendite un'auto al prezzo di 3500 euro. Un'offerta che ha attirato un trentanovenne. Quest'ultimo ha pattuito l’acquisto del veicolo, anticipando il tutto con una caparra di 100 versata su una carta Postepay riconducibile all’indagato. Ma il 46enne a quel punto non si è fatto più sentire. La vittima ha denunciato il fatto agli uomini dell'Arma, con i militari che hanno identificato il responsabile.

Un'altra truffa è stata scoperta dai Carabiieri di Longiano, che hanno denunciato in stato di libertà per sostituzione di persona in concorso un’italiana, ventiseienne, nubile, già nota alle forze dell'ordine per il medesimo reato e per truffa, residente a Poggio Torriana, e un suo coetaneo, convivente della prima, celibe, anche lui noto alle forze dell'ordine. Gli stessi hanno aperto nel giugno del 2016 e a febbraio due conti correnti on-line in un noto istituto di credito, all’insaputa e ai danni di una cinquantasettenne residente in un Comune della Valle del Rubicone.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristoranti d'eccellenza: le stelle Michelin brillano ancora su Cesenatico

  • Positivo al tampone e in attesa dell'esito, trovato cadavere in casa

  • Bonaccini: "La regione torna 'gialla' da domenica. No al coprifuoco natalizio"

  • Boom di nuovi casi, il virus raggiunge il picco nel Cesenate. Morta una donna

  • La Regione allenta le misure anti-Covid, la nuova ordinanza valida fino al 3 dicembre

  • Coronavirus, tornano a salire i contagi nel Cesenate. E si piangono altre vittime

Torna su
CesenaToday è in caricamento