Incursione dei vandali in sacrestia: vandalizzati immagini sacre e tabernacolo

Sono quindi bastati pochi minuti per i malintezionati per colpire con una furia tanto cieca quanto immotivata. La porta che separa la chiesa dalla sacrestia è stata abbattuta con una spallata

Un'opera di vandalismo sacrilego apparentemente priva di senso, quella che sabato pomeriggio si è verificata nella parrocchia di Santa Maria Goretti, a San Mauro a Mare. L'evento ha reso più tristi i preparativi delle cresime, la cui cerimonia è poi avvenuta il giorno dopo. Intorno alle 16 di pomeriggio la chiesa che si trova in viale Panzini si trovava momentaneamente vuota. Il gruppo dei giovani e i loro educatori erano infatti in un salone attiguo per preparare la cresima.

Sono quindi bastati pochi minuti per i malintezionati per colpire con una furia tanto cieca quanto immotivata. La porta che separa la chiesa dalla sacrestia è stata abbattuta con una spallata e una volta dentro è stato seminato il caos. E' stato tutto buttato all'aria, creando disordine, strappando fili elettrici, danneggiando immagini della santa e arrivando ad aprire il tabernacolo. Tuttavia le ostie non sono state toccate, mentre la chiave del tabernacolo è stata ritrovata poi nel disordine generale causato dai vandali. Vandali che sono scappati anche portandosi via dei paramenti del sacerdote per la celebrazione della messa di basso valore veniale. Il caso è stato denunciato ai carabinieri, che hanno avvito le indagini.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bonaccini: "La regione torna 'gialla' da domenica. No al coprifuoco natalizio"

  • Ristoranti d'eccellenza: le stelle Michelin brillano ancora su Cesenatico

  • Positivo al tampone e in attesa dell'esito, trovato cadavere in casa

  • Focolaio di Covid all'interno dell'ospedale, il sindaco: "Situazione di emergenza"

  • Coronavirus, tornano a salire i contagi nel Cesenate. E si piangono altre vittime

  • Terremoto avvertito nel cuore della notte: epicentro nella pianura forlivese

Torna su
CesenaToday è in caricamento