menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ennesima giovane vittima della strada, la mamma di Cristian: "Era così orgoglioso della sua moto"

Una strage che sembra non avere fine per la zona del Rubicone. Sale a tre il bilancio delle giovani vittime della strada che, nel giro di poco più di un mese, hanno perso la vita in un incidente

Una strage che sembra non avere fine per la zona del Rubicone. Sale a tre il bilancio delle giovani vittime della strada che, nel giro di poco più di un mese, hanno perso la vita in un incidente. Dopo la 16enne Lisa Lazzaretti e il 18enne Alex Casadei, martedì pomeriggio il 20enne Cristian Semprini è deceduto in sella alla sua moto in un incidente a due passi da casa, in via San Giuseppe, al confine tra San Mauro Pascoli, Savignano e Bellaria. Il ragazzo viveva poco distante, in via San Francesco, insieme al fratello Mattia, al babbo Daniele e alla mamma Susy. Aveva compiuto 20 anni a maggio, era appassionato di balli caraibici e lavorava a Poggio Berni in un'azienda di profilati d'alluminio.

Sul luogo dell'incidente si sono subito precipitati, oltre ai genitori, anche alcuni amici del giovane. Tra di loro anche il suo migliore amico Eugenio, incredulo e commosso, che è subito corso ad abbracciare la mamma di Cristian. Martedì sera Eugenio, per ricordare l'amico scomparso, ha postato sul suo profilo Facebook una foto che lo ritrae insieme a Cristian, entrambi sorridenti. "Era bello il mio bambino... soprattutto bravo - scrive sul social network mamma Susy affranta - Era così orgoglioso e felice della sua moto".

"Poche parole, solo un vuoto immenso. Sono stata fortunata ad averti incontrato e ad aver condiviso un pezzo di strada insieme a te - lo ricorda l'amica Catherina - Avrei voluto che questo pezzo non finisse mai. So che mi accompagnerai comunque, da amico unico e speciale quale sei. Ti porterò per sempre nel mio cuore, ogni giorno. Ciao Cri". "Eri una delle persone più importanti della mia vita - lo saluta la compagna di ballo Virginia - Mi sono sgretolata nel momento in cui ci hai respirato per l'ultima volta. Dovevamo fare un sacco di cose insieme e ogni volta rimandavamo perché tanto c'era tempo. Ma ora il tempo non c'è più e farei qualsiasi cosa per tornare indietro. Eri straordinario, uno su un miliardo, e mi sento così fortunata ad aver condiviso parte dei miei giorni con te. Terrò stretta a me tutte le esperienze che abbiamo vissuto insieme, raccontandole a tutti perché tutti devono sapere quanto eri speciale. Condividevamo tante passioni, in particolare il ballo e lo spazio. Non ci sarà una canzone e non ci sarà una volta in cui alzerò gli occhi al cielo e non ti penserò. Penserò alla tua risata e al tuo profumo, ai tuoi abbracci, al tuo essere sempre perfetto ai miei occhi. Non vedo l'ora di ballare insieme a te di nuovo. Ti voglio un bene inimmaginabile, per sempre".

Sulle strade del Rubicone muore un terzo ragazzo

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Una bontà tradizionale: la ricetta delle Pesche dolci all'alchermes

Arredare

Divano nuovo? Ecco i consigli per non sbagliare l'acquisto

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento