Strage di motociclisti nel 2011: 19 morti in provincia

Cresce il numero delle vittime sulle strade del Forlivese e del Cesenate. Nel 2011, secondo i dati diffusi dall'Asaps, l'Associazione sostenitori della Polstrada, ci sono state 45 vittime, rispetto alle 39 del 2010

Cresce il numero delle vittime sulle strade del Forlivese e del Cesenate. Nel 2011, secondo i dati diffusi dall'Asaps, l'Associazione sostenitori della Polstrada, ci sono state 45 vittime, rispetto alle 39 del 2010, pari ad una crescita del 15%. L'anno che si è chiuso è stato caratterizzato dalle tragedie in moto, con 19 morti. Sono cinque i pedoni che hanno perso la vita dopo esser stati investiti ed altrettanti i ciclisti. Mentre sono 17 le vittime sui mezzi a quattro ruote.

“Non sappiamo quali saranno i dati forniti dall’ISTAT a fine 2012 sugli incidenti stradali del 2011 nella nostra provincia – ha esordito Giordano Biserni, presidente di Asaps -. Abbiamo già fatto notare ai primi di dicembre che su quelli riferiti all’anno 2010 i conti non tornavano. ISTAT segnalava 34 incidenti mortali. L’Osservatorio il Centauro - Asaps ne aveva monitorati 39 escludendo anche i due decessi avvenuti oltre il limite dei 30 giorni dal sinistro. Una differenza non da poco, pari a +15%”.

“L’Osservatorio il Centauro – Asaps a pochi giorni dall’arrivo del nuovo anno è già in grado di fornire un preciso spaccato della sinistrosità grave nella provincia di Forlì- Cesena nel non rimpianto 2011 – ha continuato Biserni -. Purtroppo il dato sulla mortalità nelle strade non ci conforta per niente. Siamo arrivati a quota 46 morti, che volendo anche escludere l’88enne  ciclista di Cesena deceduto il 27 dicembre scorso, del quale non è chiaro se la causa sia stata un infarto preliminare alla caduta, rimangono nella triste contabilità ben 45 vittime + 15%. Tante rispetto al 2010 e 2009  quando furono 39, record storico minimo negli ultimi 20 anni”.

Nel dato complessivo del 2011, che è rimbalzato a quota 45 morti (35 maschi e 10 femmine), si contano anche 4  stranieri. “Diciamo subito che questo dato generale è contrassegnato dalla mattanza di vittime fra i motociclisti, ben 19, pari al 42% del totale – ha evidenziato il presidente di Asaps -. Ci tremano le vene dei polsi al pensiero dei fine settimana della prossima primavera. Un problema questo che dovrà essere affrontato con l’utilizzo di tutti gli strumenti disponibili”.

“I conducenti e trasportati di auto e camion morti lo scorso anno sono stati 17, i ciclisti 5 così come i pedoni (che l’anno prima erano stati 7) – ha continuato Biserni -. I lenzuoli bianchi sono stati stesi  32 volte di giorno e 13 di notte. Quelli certificati per l’abuso di alcol o droga sono stati solo 2. A testimonianza del serio ed efficace  lavoro fatto dalle forze di polizia su questo versante”.

Nelle aree urbane ci sono stati 25 incidenti mortali, 19 su statali e provinciali e solo uno in autostrada. Mentre 20 gli incidenti mortali sono avvenuti nell’area forlivese e 25 in territorio  cesenate. L’età delle vittime: 2 avevano meno di 18 anni, 4 avevano fra i 18 e i 30 anni, 23 oltre 30 anni fino a 65 e 16 erano over  65 anni. “Dall’esame dei dati della sinistrosità in provincia – osserva Biserna -. si proietta l’esigenza di non mollare assolutamente la presa sul versante dei controlli stradali e sulla necessità di intervenire sul sistema viario con la messa in sicurezza degli attraversamenti pedonali, con la sostituzione dei guard rail nei tratti più a rischio per i motociclisti, col contrasto all’alcol e con una capillare formazione/informazione dei conducenti e dei pedoni”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La palestra sfida il Dpcm: "Resto aperto, i clienti sono venuti ai corsi come un normale lunedì"

  • Coronavirus, stabile la curva dei contagi. Cinque i positivi nelle scuole

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • La Polizia chiude e multa la palestra 'disobbediente'. "Ho ricevuto anche minacce di morte"

  • Coronavirus, impennata di contagi nelle ultime 24 ore: la provincia tocca quota 100

  • "Qui si cena anche, la stanza la offro io", il ristoratore cesenate 'aggira' il Dpcm

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento