Caduta mortale con l'auto in un dirupo sui Mandrioli, "non è stato suicidio"

Non si sarebbe trattato di un suicidio ,ma di un incidente mortale, tanto tragico in quanto potrebbe essere accaduto anche giorni e giorni prima che la macchina fosse scoperta in fondo al dirupo

Non si sarebbe trattato di un suicidio ,ma di un incidente mortale, tanto tragico in quanto potrebbe essere accaduto anche giorni e giorni prima che la macchina fosse scoperta in fondo al dirupo: la Polizia Stradale, dopo gli accertamenti, ritiene di scartare ormai l'ipotesi di suicidio per la morte del consulente finanziario di San Giustino Umbro (Perugia), deceduto dopo un volo di decine di metri sulla strada provinciale 142 dei Mandrioli e ritrovato lo scorso 17 marzo.

Non ci sono segni precedenti di difficoltà dell'uomo, mentre gli stessi parenti – in assenza di un biglietto di addio o di qualsiasi altro indizio – tendono ad escludere che possa essersi trattato di un atto volontario. Resta però il mistero su cosa sia accaduto in una delle tante curve pericolose dei Mandrioli, la strada che collega San Piero in Bagno appunto al passo dei Mandrioli, realizzato dal Granduca di Toscana come ardita opera, nell’ ‘800, per collegare Toscana e Romagna.

La scomparsa, regolarmente denunciata alla forze dell'ordine,  del sessantenne umbro risale a giorni prima del casuale ritrovamento della sua Lancia Y in fondo al dirupo. L’incidente è avvenuto al chilometro 5+500, circa a metà strada tra Bagno di Romagna e il passo. A dare l'allarme è stato un camionista in transito, che ha notato il mezzo solo grazie alla posizione più rialzata della cabina di guida rispetto al piano stradale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La fuoriuscita di strada è avvenuta in uno dei pochi tratti non protetti da barriera (anche se lungo la strada i muretti di delimitazione della carreggiata sono molto malmessi) e non ci sono significativi segni di frenata. Il corpo dell'uomo è stato recuperato dai vigili del fuoco in uno stato di irrigidimento che lascerebbe presupporre che la morte era sopraggiunta da qualche tempo. In ogni caso il fascicolo investigativo è ancora aperto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La palestra sfida il Dpcm: "Resto aperto, i clienti sono venuti ai corsi come un normale lunedì"

  • Coronavirus, stabile la curva dei contagi. Cinque i positivi nelle scuole

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • La Polizia chiude e multa la palestra 'disobbediente'. "Ho ricevuto anche minacce di morte"

  • Coronavirus, impennata di contagi nelle ultime 24 ore: la provincia tocca quota 100

  • "Qui si cena anche, la stanza la offro io", il ristoratore cesenate 'aggira' il Dpcm

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento