Moto a folle velocità contro l'auto: il conducente aveva più di mille euro e della droga

Il motoveicolo è risultato sprovvisto di assicurazione e il conducente, il 34enne tunisino deceduto sul colpo, era privo di patente valida in Italia

C'è stata la velocità molto elevata della moto, una Yamaha TMax, alla base dell'incidente mortale di Bagnarola di venerdì pomeriggio in cui ha perso la vita un 34enne tunisino, che viveva a Rimini ma formalmente residente a Cassano delle Murge, in provincia di Bari. E' quanto ritiene la Polizia Municipale di Cesenatico, intervenuta sul posto per i rilievi, dopo l'analisi della lunghissima frenata, circa una trentina di metri, ben visibile sull'asfalto nella corsia di marcia opposta.

Il motoveicolo è risultato sprovvisto di assicurazione e il conducente, il 34enne tunisino deceduto sul colpo, era privo di patente valida in Italia. Ma c'è di più: l'uomo aveva con sè una cospicua cifra in contanti, superiore ai mille euro, e aveva tre ivolucri incellophanati e alcune pasticche, circa 80 grammi di eroina che è stata consegnata alla Polizia Scientifica. E' questo il quadro che emerge dopo una lunga e scrupolosa attività investigativa a seguito del drammatico incidente di Bagnarola, nel comune di Cesenatico.

A bordo della moto c'era anche una ragazza di 18 anni, di Cesenatico, portata con un codice di massima gravità all'ospedale di Cesena. Vista la violenza dello schianto si può considerare miracolata. L'incidente è avvenuto a Bagnarola, frazione di Cesenatico, ed in particolare in via Pisciatello, nei pressi dell'intersezione con via Torri. Lo scooter con le due persone a bordo percorreva la stretta strada di campagna in direzione Cesena quando dietro una lieve semicurva è andata a sbattere frontalmente contro un Taxi, un Fiat Freemont, che percorreva la medesima strada in senso opposto. Il conducente del taxi ha visto la moto da lontano, ha rallentato fino a quasi fermarsi, accostando il più possibile sulla sua destra. La strada è molto stretta, ma il motociclista, visto la velocità molto elevata, non ha centrato lo stretto varco rimasto tra la macchina e il ciglio della strada. I'incidente è avvenuto intorno alle 16,15 di venerdì. L'impatto è stato violentissimo e frontale. Lo scooter dopo l'impatto col muso dell'auto è finito nel fosso a bordo strada, incendiandosi e andando completamente distrutto.

> INCIDENTE MORTALE: IL VIDEO

Il conducente, 34 anni, è morto sul colpo, sbalzato contro il cofano dell'auto e poi contro il parabrezza. E' rimasto privo di vita a terra ai piedi del muso dell'auto. I soccorritori del 118, intervenuti sul posto con due ambulanze e l'auto medicalizzata non hanno potuto far altro che constatare il decesso dell'uomo. La giovane è stata sbalzata sulla strada e in un campo ed è stata soccorsa e portata al Bufalini di Cesena con un codice di massima gravità. La moto infine è finita nel campo ed è totalmente andata distrutta dopo aver preso fuoco. Sul posto la polizia municipale di Cesenatico per i rilievi della dinamica e delle responsabilità. Presenti anche i vigili del fuoco per sedare le fiamme. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Boom di nuovi casi, il virus raggiunge il picco nel Cesenate. Morta una donna

  • Ristoranti d'eccellenza: le stelle Michelin brillano ancora su Cesenatico

  • La Regione allenta le misure anti-Covid, la nuova ordinanza valida fino al 3 dicembre

  • Prima vittima del Covid nel comune, il sindaco: "Profonda tristezza e sconforto"

  • Bonaccini: "La regione resta 'arancione' ma negozi riaperti già da domenica"

  • "Siano riconosciuti gli esiti dei tamponi rapidi per lo stato di malattia dei lavoratori"

Torna su
CesenaToday è in caricamento