rotate-mobile
Mercoledì, 5 Ottobre 2022
Cronaca Gambettola

Schianto mortale con 3 vittime, la giovane arrestata non risponde. Chiesta la custodia in carcere

L'udienza di convalida dell'arresto si è tenuta in Tribunale a Ravenna. Nella tragedia ha perso la vita anche una donna di Gambettola

Alla fine si è avvalsa della facoltà di non rispondere la 24enne di Pontoglio, in vacanza a Cervia con un'amica, che sabato è stata arrestata con l'accusa di omicidio plurimo stradale e lesioni stradali aggravate dalla guida in stato di ebbrezza a seguito del tragico incidente a Pinarella in cui hanno perso la vita tre persone, fra cui anche la 62enne Mariangela Bardi di Gambettola. L'udienza di convalida dell'arresto, piuttosto breve, si è tenuta martedì mattina in Tribunale a Ravenna davanti al Gip, che si è riservato di decidere dopo che la Procura ha chiesto la custodia in carcere per la ragazza, che attualmente si trova ai domiciliari. Il suo avvocato, Marco Geroni, ha chiesto invece per lei la possibilità di rientrare nel Bresciano.

Il ricordo dell'ex compagno di Mariangela: "Allegra ed estroversa, non beveva mai alcolici"

L'incidente si è verificato intorno all'una di venerdì notte a Pinarella, dove ora la giovane si trova ai domicliari in un appartamento che aveva preso in affitto per trascorrere le vacanze ad agosto. Secondo quanto ricostruito dalla Polizia locale, intervenuta per i rilievi, la 24enne e una sua amica bresciana di 25 anni - a bordo di una Mercedes classe A - stavano tornando a casa dopo aver trascorso la serata in un locale. Per gli inquirenti, la Mercedes avrebbe invaso la corsia opposta di marcia proprio mentre transitavano una Fiat Panda (con a bordo tre donne, delle quali due poi decedute) e uno scooter.

L'impatto è stato violentissimo e l'esito drammatico: nello schianto sono morte sul colpo tre persone, tra cui due donne - Morena Amici, 52enne di Lido Adriano, e Mariangela Baldi, 62enne di Gambettola - e l'uomo a bordo dello scooter, il 40enne forlivese Luca Rosaldi. Sono in ospedale, in prognosi riservata, la terza donna a bordo della Panda e l'amica della 24enne. L'alcoltest effettuato all'arrestata subito dopo l'incidente avrebbe rivelato un tasso alcolemico di circa 1 grammo per litro di sangue, il doppio rispetto al limite consentito.

La 24enne nei giorni scorsi avrebbe invece riferito al suo avvocato di essersi trovata di fronte la Fiat Panda, e non il contrario. Saranno le indagini a fare chiarezza su cosa sia realmente accaduto. Il suo legale ha fatto inoltre sapere che la positività all'alcol test potrebbe essere dovuta ai farmaci che, per problemi di salute, la giovane è costretta ad assumere con regolarità. "La mia assistita è molto lucida, seppur molto scioccata - ha spiegato l'avvocato Geroni - È consapevole di ciò che è successo e di quello che sta succedendo ed è ovviamente molto scossa. Ha realizzato subito la gravità dell'incidente ed è uscita dall'auto: è stata lei, per prima, a chiamare i soccorsi. Si è trovata di fronte la Panda che aveva appena sorpassato lo scooter e stava rientrando: lei ha sterzato per schivare l’utilitaria, innescando così la terribile carambola. Non si è trattato di una perdita di controllo, ma di una reazione istintiva. L'amica che era con lei conferma questa versione dei fatti. L'etilometro potrebbe essere risultato positivo per via dei farmaci che la mia assistita deve assumere con regolarità: cercheremo di fare chiarezza anche su questo punto".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Schianto mortale con 3 vittime, la giovane arrestata non risponde. Chiesta la custodia in carcere

CesenaToday è in caricamento