menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

In Romagna il 19° congresso nazionale dei neuro-oncologi

Da domenica fino al 28 ottobre, i maggiori esperti nazionali e stranieri che, a vario titolo, si occupano dello studio, della diagnosi e della cura dei tumori cerebrali, si daranno appuntamento a Cesena

Al via in Romagna il XIX Congresso Nazionale e Corso Residenziale dell’Associazione Italiana di Neuro-Oncologia (AINO). Da domenica fino al 28 ottobre, i maggiori esperti nazionali e stranieri che, a vario titolo, si occupano dello studio, della diagnosi e della cura dei tumori cerebrali, si daranno appuntamento a Cesena (il 25 ottobre) e a Milano Marittima (il 26- 27- 28 ottobre) per fare il punto sulla neuro-oncologia, un settore delle neuroscienze in continuo sviluppo. Si tratta di un importante appuntamento scientifico organizzato quest’anno dall’Azienda USL della Romagna e dall’Istituto Scientifico per lo Studio e la Cura dei Tumori IRST IRCCS di Meldola, con il patrocinio del Comune di Cesena e dell’Istituto Oncologico Romagnolo.

Nel corso della quattro giorni si parlerà delle rapide innovazioni tecnologiche chirurgiche e radioterapiche, dei nuovi trattamenti farmacologici e biologici che hanno rivoluzionato la cura dei tumori cerebrali estendendo le armi a disposizione dei neuro-oncologi. “Mai come oggi, studi neuro-oncologici di biologia molecolare, di genetica hanno visto la loro importante applicazione nei trattamenti clinici dei pazienti affetti da queste neoplasie” – fanno sapere i presidenti del XIX Congresso Nazionale Marina Faedi (responsabile Gruppo di Patologia Neuro-oncologico IRST) Maria Grazia Passarin (direttore dell’Unità Operativa di Neurologia all’ospedale Bufalini) e Luigino Tosatto (direttore dell’Unità Operativa di neurochirurgia all’Ospedale Bufalini) che aggiungono: “Vi è la significativa speranza che il futuro terapeutico sia migliore per i nostri pazienti che combattono un “nemico” terribilmente agguerrito, che non intende ancora esporre il suo tallone d’Achille”.


L’obiettivo dell’evento, che può vantare anche la presidenza onoraria del prof. Dino Amadori, Direttore scientifico IRST IRCCS, è quello di favorire le conoscenze e l’aggiornamento dei diversi e numerosi professionisti che ruotano attorno al paziente neuro-oncologico.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Benessere

I 5 DPI più efficaci per contrastare il Covid-19

social

Piccoli ma sorprendenti: i musei più curiosi dell'Emilia Romagna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento