menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"In piazza per chiedere più sicurezza", in arrivo una manifestazione a Cesenatico

La manifestazione è stata organizzata per questo sabato alle 18.30 in piazza Ciceruacchio

“L’aggravarsi della situazione sicurezza a Cesenatico, con due ragazzi accoltellati sabato scorso, dimostra il radicamento sul territorio di violente bande giovanili nordafricane”. Con questa dichiarazione il Comitato Cesenatico Sicura, appena costituito, anticipa la manifestazione organizzata per questo sabato alle 18.30 in piazza Ciceruacchio a Cesenatico.

“E’ un fenomeno che si sta diffondendo a macchia d’olio. Bande di giovani, prevalentemente di origine nordafricana, colpiscono impunemente altri giovani con violenza e futili pretesti. Durante l’ultimo fine settimana è successo ripetutamente a Rimini e pure a Cesenatico dove – spiega il comitato – due ragazzi del posto sono stati feriti con armi da taglio. Poteva finire in tragedia. Episodi del genere si ripetono da tempo, ma non vi è traccia del loro contenimento. Anzi, si sta arrivando al punto di avere paura di uscire, la sera, per le strade delle nostre località turistiche rivierasche. Queste non sono strumentali interpretazioni ideologiche o partitiche, ma fatti di oggettiva cronaca”.

Il comunicato di Cesenatico Sicura precisa: “Dopo oltre due mesi di chiusura forzata, la nostra città sta cercando di rialzarsi economicamente e socialmente, per affrontare quella che si preannuncia come una stagione turistica difficile e piena di incognite. La capacità di rimboccarsi le maniche è tipica dei romagnoli e nessuno da queste parti si sta piangendo addosso malgrado i cavilli dei decreti governativi, che sicuramente non facilitano chi vive di turismo e chi viene qua per le proprie vacanze. Ora si aggiungono questi gravi fatti, e la risposta amministrativa appare inutile e persino dannosa per esercenti e commercianti - precisa la nota - perché l’ordinanza che vieta la vendita  di bevande d’asporto non potrà che danneggiarli, sommandosi alle difficoltà economiche e alle altre restrizioni. Servono piuttosto i controlli fisici da parte delle forze dell’ordine. Il presidio del territorio. Quei controlli che, durante l’isolamento sociale per il virus, apparivano invece così muscolari e spettacolari, con mezzi, droni, e personale a controllare che gli italiani rispettassero le restrizioni, oggi dove sono?”.

“La nostra richiesta è chiara: serve una presenza costante ed efficace di pubblica sicurezza nel territorio, specialmente nelle ore più intense della movida cesenaticense e nei luoghi maggiormente frequentati. Gli italiani non devono essere abbandonati - conclude la nota - in balia di questi violenti assalitori come successo sabato scorso, dove si è arrivati al punto che l’intervento della pubblica sicurezza è invece arrivato, secondo numerosi testimoni, con un'ora di ritardo”

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Mare e terra in un piatto gustoso: la seppia coi piselli

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento