Immobili privati requisiti per ospitare i profughi, la Prefettura: "E' una possibilità"

Si tratta di un punto di svolta. Inizialmente la Prefettura si affidava esclusivamente ad un sistema gestito dai Comuni o dalle associazioni di volontariato

Immobili requisiti per ospitare i migranti? Solo una un'eventualità, una porta che si tiene aperta in caso di emergenza. Dalla Prefettura di Forlì-Cesena si smorza sulla decisione presa nel corso dell'ultima riunione del Comitato per l'Ordine pubblico e la sicurezza, di adottare provvedimento “forti”, quali la requisizione di immobili privati, nei comuni di Gatteo e San Mauro Pascoli, se ci saranno nuovi afflussi. “Non c'è alcuna procedura in atto”, spiega Raffaele Sirico, il funzionario della Prefettura con competenza sull'ordine pubblico.

“E' una possibilità che non viene esclusa, in caso di mancanza di capienza e di nuovi arrivi. Per il momento è un'ipotesi astratta dal momento che riusciamo a coprire l'esigenza con le strutture esistenti, nelle quali c'è un turn-over, e quindi riusciamo ad inserire i nuovi arrivi in sostituzione di chi esce dal sistema di accoglienza”, sempre Sirico. E' un dato di fatto che, però, si tratta di un punto di svolta. Inizialmente la Prefettura si affidava esclusivamente ad un sistema gestito dai Comuni, in strutture pubbliche o di associazioni di volontariato. Poi, quando questo non è stato più sufficiente, la Prefettura ha preso a fare bandi autonomi e grazie a questi sono entrati nel sistema di gestione dei profughi gli hotel della riviera, in particolare lo Splendid di Cesenatico (che ora ospita 80 individui). Ed ora, la terza fase potrebbe essere appunto gli immobili ad uso abitativo requisiti d'autorità.

“Altre Prefetture hanno già preso questi provvedimenti in Italia – conferma Sirico -. E' una procedura eccezionale, ma prevista e già applicata in passato, specialmente per le calamità naturali. Quello che è stato deciso è che è una procedura che si può attivare, nei confronti di strutture pubbliche, con cui però normalmente si procede con accordi con gli enti proprietari, ma soprattutto con strutture private, a fronte del pagamento di un indennizzo”. Quali tipi di strutture? “Strutture idonee ad accogliere persone”, spiega Sirico. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Prima vittima del Covid nel comune, il sindaco: "Profonda tristezza e sconforto"

  • Non si fermano i lutti, si piange un'altra vittima del virus. Positivi in lieve calo

  • Covid, il bollettino: 92 nuovi positivi nel Cesenate nelle ultime 24 ore. Un altro morto nell'area del Rubicone

  • Scende l'indice Rt in regione ma salgono i positivi nel Cesenate. Si piange un'altra vittima

  • La regione verso il "giallo" ma Bonaccini avverte: "Dobbiamo evitare una terza ondata"

  • Il virus si 'conferma', il Cesenate ha i numeri migliori ma prosegue la scia di morti

Torna su
CesenaToday è in caricamento