Immigrazione, nel 2020 in Emilia Romagna un giovane su quattro sarà straniero

Dall’attuale 12,6% a un 16,3% nel 2020. Sono le proiezioni Istat sull’incidenza percentuale degli stranieri sul totale della popolazione in Emilia-Romagna. Sempre secondo Istat nel 2020 i giovani con una cittadinanza diversa da quella italiana rappresenteranno quasi un quarto del totale

L'assessore Marzocchi con il ministro Kyenge

Dall’attuale 12,6% a un 16,3% nel 2020, fino ad arrivare al 25,8% nel 2050. Sono le proiezioni Istat sull’incidenza percentuale degli stranieri sul totale della popolazione in Emilia-Romagna. Sempre secondo Istat nel 2020 i giovani con una cittadinanza diversa da quella italiana rappresenteranno quasi un quarto del totale, e oltre un terzo nel 2050. Cifre che danno la misura di quanto i cittadini stranieri sono e saranno sempre più parte integrante del futuro dell'Emilia-Romagna, come del resto del Paese, e che pongono la Regione di fronte a nuove sfide. Se n’è discusso stamani durante il convegno “Migrazioni, interazione, sviluppo: Emilia-Romagna nell’Europa che cambia”, che ha visto la partecipazione della ministra per l’Integrazione Cécile Kyenge. La Kyenge ha sottolineato l’importanza di affrontare il tema dell’immigrazione in un’ottica di accoglienza e integrazione, e ha parlato anche di cittadinanza, ius soli, reato di clandestinità.

“Cerchiamo di creare le condizioni affinché le persone immigrate possano accedere a tutti i servizi come le persone native – ha sottolineato a margine del convegno l’assessore regionale alle Politiche sociali Teresa Marzocchi – . Gli interventi fatti finora sono in questa direzione. Ci prendiamo questo momento di riflessione per capire come continuare su questa linea nelle condizioni cambiate del nostro contesto sociale e anche economico. C’è un grande problema di risorse per tutti i cittadini; c’è un problema di lavoro, che è stato l’asse portante del fenomeno migratorio in questa regione”. Marzocchi ha ribadito le linee fondamentali delle politiche regionali: “Arrivare a tutti i cittadini, accoglierli uno per uno, e non lasciare che nessuno sia escluso. Con l’apprendimento della lingua, prima di tutto, l’accesso ai servizi e a prestazioni diversificate, necessarie per l’accompagnamento vero: servizi uguali per tutti, ma con le differenze dovute. Siamo una realtà multiculturale – ha concluso l’assessore – . E’ sufficiente guardare le scuole, le piazze. Andate nei nostri asili: quella è la nostra regione. E’ il nostro patrimonio, non il nostro problema. E’ il nostro patrimonio e lì dobbiamo costruire”.

Immigrazione in Emilia-Romagna, i dati
All’inizio era prevalentemente maschile. Poi è andata stabilizzandosi: sono arrivate le famiglie, sono nati i bambini, cresciuti e andati a scuola qui. Bambini e famiglie che appartengono a oltre 150 nazionalità diverse. E' la “linea” evolutiva seguita dall'immigrazione in Emilia-Romagna. Qui, la stima di circa 555.000 soggiornanti regolari a fine 2011 (Dossier Caritas/Migrantes) continua a collocare la regione ai primi posti in Italia in termini di presenze dopo la Lombardia (1.178.000 stranieri regolarmente presenti) e il Lazio (615.000). Dal rapporto 2013 dell’Osservatorio regionale sul fenomeno migratorio, gli stranieri iscritti all’anagrafe in un Comune dell’Emilia-Romagna risultano essere 530.015 (al 1° gennaio 2012), con un aumento di 29.430 persone rispetto al 1° gennaio 2011 (+5,9%). Una crescita significativa, nonostante la flessione dell’occupazione.

I residenti
La presenza della popolazione immigrata è ormai una caratteristica di tutto il territorio, sebbene ci siano delle differenze. In particolare le province di Piacenza, Parma, Reggio Emilia e Modena continuano ad avere un’incidenza della popolazione residente straniera al di sopra della media regionale (11,9%): in queste province infatti l’incidenza ha superato il 13%, quella di Piacenza ha raggiunto il 14,1%. Nel corso del 2011 la regione ha visto una riduzione dei flussi in ingresso di stranieri: il saldo migratorio con l’estero e` sceso al 6,7 per mille, a fronte del 9,6 del 2010. Nonostante ciò quello dell’Emilia-Romagna resta il saldo migratorio con l’estero più elevato (dal 2008) tra le Regioni italiane.

Sui banchi di scuola
Nell’anno scolastico 2011/2012 sono presenti nelle scuole dell’Emilia-Romagna (dell’infanzia, primaria e secondaria) 86.944 alunni con cittadinanza non italiana: pari al 14,6% del totale degli iscritti. Questo dato colloca l’Emilia-Romagna al primo posto in Italia, seguita da Umbria (13,9%), Lombardia (13,2%), Veneto (12,5). La media nazionale è dell’8,4%.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Stranieri: tasse e contributi
Sono sempre più rilevanti i contributi e le tasse pagate dagli stranieri. Nel 2010 i cittadini stranieri residenti in Emilia-Romagna erano 500.585, pari all’11,3% della popolazione. Alla stessa data i lavoratori stranieri regolarmente occupati, secondo i dati Istat, risultavano circa 225.000, di cui 194.000 dipendenti (pari al 86,1%), 24.500 lavoratori autonomi (l’11,1%) e 6.500 lavoratori parasubordinati (2,8%). Prendendo in considerazione i contributi versati a carico del lavoratore e quelli a carico dell’impresa e le tre diverse aliquote contributive, l’ammontare economico contributivo generato dal lavoro degli immigrati risulta di oltre 857 milioni di euro, dei quali oltre 280 milioni versati direttamente dai lavoratori. Per quanto riguarda l'Irpef (stima comprensiva delle addizionali locali), gli stranieri presenti in Emilia-Romagna nel 2010 hanno versato 474 milioni di euro. Il totale complessivo di gettito fiscale e contributivo ha superato 1,3 miliardi di euro. L’apporto contributivo dei lavoratori immigrati continua ad assumere dimensioni rilevanti, proprio a causa della presenza crescente tra gli occupati nel mercato del lavoro regionale, nonostante la crisi iniziata nel 2008.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Governo al lavoro per un nuovo Dpcm, si pensa a coprifuoco e altri limiti per i locali

  • Finisce l'incubo per la famiglia, dopo l'appello a "Chi l'ha visto" ritrovata la 17enne scomparsa

  • La palestra sfida il Dpcm: "Resto aperto, i clienti sono venuti ai corsi come un normale lunedì"

  • Ore di ansia per la famiglia, si moltiplicano gli appelli per una 17enne scomparsa: ma c'è il lieto fine

  • Si lascia cadere nella notte dal Ponte vecchio: recuperato il cadavere nel Savio

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento