menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Università, in calo le immatricolazioni in Romagna. Sorride solo Cesena

Aumentano le immatricolazione dell'Università di Bologna: ma se il capoluogo regionale va bene, lo stesso non si può dire dei poli romagnoli, che sono in flessione. Ma l'unica a sorridere in Romagna è Cesena

Aumentano le immatricolazione dell'Università di Bologna: ma se il capoluogo regionale va bene, lo stesso non si può dire dei poli romagnoli, che sono in flessione. Ma l'unica a sorridere in Romagna è Cesena, che vede cresciuti, seppure di poco, i nuovi iscritti. In totale i nuovi iscritti nell'anno accademico 2014/2015 sono 23.070 e sono in aumento, rispetto all'anno scorso, del 4,8%. Il dato è stato rilevato lo scorso 13 gennaio, quindi a immatricolazioni terminate, e registra una crescita rispetto al numero degli immatricolati rilevati lo stesso giorno un anno fa (erano 22.002).
 

Nel dettaglio gli iscritti ai corsi di laurea (primo ciclo) sono 13.357 (+1,1%), quelli delle lauree magistrali (secondo ciclo) sono 6.869 (+7,4%) e quelli dei corsi a ciclo unico sono 2.844 (18,4%), numero che comprende però anche gli studenti di Medicina e di Odontoiatria che hanno fatto ricorso al Tar e che sono stati ammessi ed iscritti negli ultimi mesi. Quindi la crescita a fasi alternate: la sede di Bologna, da sola, cresce del 8,1%. In Romagna invece registra un aumento la sede di Cesena (2,7%) mentre calano le immatricolazioni nei campus di Forlì (-7,2%) e Rimini (-6,6%) – che subiscono lo spostamento generale verso le lauree magistrali a ciclo unico - e in percentuale minore a Ravenna (-2,7%).

A Cesena i nuovi iscritti erano 1.370 lo scorso anno e sono 1.407 quest'anno, vale a dire 37 in più (+2,7%). Forlì, invece, perde 144 iscrizioni (da 1.977 a 1.833), Ravenna perde 32 iscritti (da 1.015 a 987), Rimini ne perde 106 (da 1.605 a 1.499). A tirar su le iscrizioni di Cesena sono Ingegneria e Architettura (+13,3% su tutto l'ateneo), mentre in calo risultano Psicologia e Scienze della Formazione (-13,8%) e Agraria e Medicina Veterinaria (-15%) “che hanno inserito quest’anno il numero programmato per rientrare nelle norme sull’accreditamento dei corsi e che, nel primo caso, subiscono una crescente sottostima delle immatricolazioni a causa dei numerosi trasferimenti da altri corsi", spiega una nota dell'università.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Una ricetta romagnola semplice e genuina: la spoja lorda

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento