Il vescovo benedice un nuovo mezzo per i volontari cesenati

Si tratta di un autoveicolo adattato anche per il trasporto di carrozzine per persone impossibilitate a camminare

"Questa è la dimostrazione concreta che i pensionati sono un valore aggiunto per la nostra società e che insieme alle altre associazioni di volontariato possono contribuire a migliorare il benessere della nostra comunità". Queste le parole di Filippo Pieri, segretario generale Cisl Romagna, a margine della presentazione al vescovo di Cesena-Sarsina, S.E. Douglas Regattieri, di un nuovo mezzo acquistato in collaborazione tra Anteas Cesena e Croce Verde Cesena. Si tratta di un autoveicolo adattato anche per il trasporto di carrozzine per persone impossibilitate a camminare che si era reso indispensabile per lo svolgimento dell’attività quotidiana di volontariato effettuata sia dall’Anteas Cesena che dalla Croce Verde Cesena. L’importo, offerto dall’Anteas Cesena per l’acquisto del mezzo, proviene dal 5 per mille che i contribuenti hanno destinato all’associazione in occasione della dichiarazione dei redditi e che l’associazione ritorna alla comunità del comprensorio cesenate affinché ne abbia un beneficio. Il vescovo ha poi benedetto il mezzo alla presenza di Pieri, di Renato Roberti, presidente dell'Anteas Cesena e Gilberto Graffieti, presidente della Croce Verde Cesena.

Da una esigenza comune di due associazioni diverse è nata quindi l’idea di unire le forze sia per avere le risorse necessario per l’acquisto e la successiva modifica del mezzo, sia per poterlo utilizzare in modo costante per ammortizzarne il costo. Anteas è un’associazione di volontariato promossa dalla Cisl e si rivolge in particolare ai pensionati, ma è rivolta a tutti, e si occupa soprattutto di assistere gratuitamente le persone anziane. Nel comprensorio cesenate sono 155 i volontari che svolgono questa attività a titolo gratuito e che operano su diversi fronti: ci sono ambulatori che offrono prestazioni di base (controllo pressione arteriosa, glicemia), accompagnamento di persone anziane e consegna pasti. Un’attività impegnativa da San Piero in Bagno a Cesenatico, da Gualdo a San Mauro Pascoli passando per Cesena e che nel 2017 ha sviluppato questi numeri di servizi gratuiti: 12.807 prestazioni sanitarie, 7.690 km percorsi per consegnare 2.828 pasti a domicilio, 828 persone accompagnate dai volontari con i mezzi Anteas. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Boom di nuovi casi, il virus raggiunge il picco nel Cesenate. Morta una donna

  • Ristoranti d'eccellenza: le stelle Michelin brillano ancora su Cesenatico

  • La Regione allenta le misure anti-Covid, la nuova ordinanza valida fino al 3 dicembre

  • Prima vittima del Covid nel comune, il sindaco: "Profonda tristezza e sconforto"

  • Bonaccini: "La regione resta 'arancione' ma negozi riaperti già da domenica"

  • "Siano riconosciuti gli esiti dei tamponi rapidi per lo stato di malattia dei lavoratori"

Torna su
CesenaToday è in caricamento