Il tribunale dà ragione ai richiedenti asilo: "Saranno tutti iscritti all'anagrafe"

La delibera della Giunta dopo che il tribunale di Bologna aveva accolto il ricorso di sei migranti, che si erano visti negare l'iscrizione, in virtù del decreto Salvini

“I richiedenti asilo devono essere iscritti all’anagrafe” Così si pronuncio lo scorso ottobre il tribunale di Bologna dopo il ricorso presentato da 6  richiedenti asili. Una sentenza tale da far vacillare uno dei punti cardine del decreto sicurezza . “Ai fini dell’iscrizione all’anagrafe si ritiene confermata la piena equiparazione dei cittadini richiedenti asilo a quella di tutti gli altri cittadini stranieri ed ai cittadini italiani”, motivava il tribunale bolognese.

Un caso che si avvia a risoluzione, Il Comune di Cesena infatti autorizzerà l’iscrizione nel registro della popolazione residente di tutti i cittadini stranieri richiedenti asilo o protezione sussidiaria. È quanto disposto con una delibera di Giunta, dopo che il Tribunale di Bologna ha accolto il ricorso di sei richiedenti asilo, i quali si erano visti negare la richiesta di iscrizione nei registri anagrafici dal Comune di Cesena secondo quanto stabilito dal Decreto Sicurezza, entrato in vigore nell’ottobre 2018. 

Stando infatti al Decreto, il permesso per richiesta di asilo o protezione sussidiaria non costituisce titolo per l’iscrizione anagrafica. Sulla base della normativa introdotta, lo Sportello Facile e i Servizi Demografici del Comune di Cesena avevano rigettato le domande di iscrizione anagrafica presentate da sette richiedenti stranieri. Di questi, in sei hanno fatto ricorso al Tribunale di Bologna ottenendo un esito positivo e dunque l’immediata iscrizione anagrafica. Per questa ragione, dal momento che sono in giacenza presso gli stessi uffici comunali altre domande di uguale natura e considerato l’orientamento del Tribunale, il Comune di Cesena autorizzerà l’iscrizione nel registro della popolazione residente di tutti i cittadini stranieri richiedenti asilo e/o protezione sussidiaria.

“Con la delibera approvata oggi – commenta il Sindaco Enzo Lattuca – prendiamo atto che il Tribunale di Bologna ha più volte interpretato la norma del Decreto Salvini concedendo la possibilità ai richiedenti asilo di iscriversi all’anagrafe. Dal momento che la direzione intrapresa dal Tribunale è questa, riteniamo sia corretto rispettarla abbattendo in questo modo i costi economici a carico del Comune per quanto riguarda gli aspetti gestionali-amministrativi, i costi nel costituirsi in giudizio oltre alle possibile richieste di risarcimento del danno che in futuro si potranno verificare mentre l’accoglimento delle domande, in adesione ai principi giurisprudenziali eviterebbero un inutile contenzioso, in attesa che la Corte Costituzionale si pronunci definitivamente sulla norma richiamata”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Attualmente è in itinere una questione di legittimità costituzionale della norma sopra richiamata sollevata dal Tribunale di Ancona proprio perché le disposizioni del Decreto Sicurezza appaiono non coerenti con l’ordinamento giuridico italiano e con gli stessi principi costituzionali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Addio a Sergio Rossi, anche il 're' del calzaturiero tra le vittime del virus: "Una grande perdita"

  • "Creativo e perfezionista", ha portato la scarpa di San Mauro in tutto il mondo. Tanti ricordano Sergio Rossi

  • "Un giorno tristissimo", si è spento l'imprenditore dell'ortofrutta Daniele Brunelli

  • Stroncato da un'emorragia cerebrale, era positivo al Covid: addio all'ingegnere della Soilmec

  • Stabile il rallentamento del virus (+12), si piange il 16esimo morto. In provincia oltre 1000 positivi

  • Caffè o spesa con bar e supermercati chiusi, una decina pizzicati dai Carabinieri

Torna su
CesenaToday è in caricamento