menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il rogo dei cassonetti distrugge un alto cipresso del chiostro: la Lega chiede lumi sull'episodio

“L’isola ecologica interessata dall’incendio è quasi quotidianamente oggetto di abbandoni di rifiuti ingombranti e indifferenziati, denunciati ripetutamente dai residenti"

 “Non ha fatto danni ingenti, come sarebbe potuto accadere, ma ha distrutto due cassonetti e bruciato interamente un alto cipresso del chiostro di San Francesco in via Montalti, a ridosso del retro del complesso della biblioteca Malatestiana. Parliamo dell’incendio divampato nella notte tra domenica e lunedì, circa all’una, con fiamme visibili sopra i tetti delle abitazioni. Un incendio appiccato non si sa se per disattenzione o per dolo, che solo fortunosamente non ha attaccato le abitazioni a ridosso del giardino e le centraline elettriche lì ubicate, sul quale riteniamo si dovrebbe indagare per risalire agli autori che avrebbero potuto creare un serio pericolo a cose e persone”: lo affermano i consiglieri del gruppo della Lega Antonella Celletti, Fabio Biguzzi, Enrico Sirotti Gaudenzi e Beatrice Baratelli, che hanno presentato un’interpellanza alla Giunta per conoscere le risultanze di eventuali rapporti redatti dagli agenti della Polizia Locale accorsi sul luogo e dai vigili del Fuoco e per sapere se l’amministrazione comunale intenda attivare indagini attraverso la Polizia Locale o presentando denuncia alla Polizia di Stato per individuare come e chi abbia innescato l’incendio anche attraverso l’aiuto di eventuali telecamere di privati.

“L’isola ecologica interessata dall’incendio è quasi quotidianamente oggetto di abbandoni di rifiuti ingombranti e indifferenziati, denunciati ripetutamente dai residenti. Chiediamo quindi se ci sia l’intenzione di munirla di telecamere anti-abbandono al più presto. C’è poi la questione del nuovo piano della circolazione. Sembra che un mezzo dei Vigili del Fuoco abbia incontrato difficoltà a giungere nel luogo dell’incendio non riuscendo ad entrare dalla strada di accesso, ovvero via Boccaquattro, troppo stretta, e dovendo quindi cercare un accesso alternativo. Anche in questo caso, se la notizia corrispondesse a verità, ci sarebbe da ripensare con celerità al tanto criticato piano della circolazione calato dall’alto su questa area del centro storico”, conclude la nota.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento