Il primo febbraio diventa "Giornata Nazionale delle vittime civili delle guerre"

A Cesena la ricorrenza è stata ricordata giovedì mattina con la deposizione di una corona d’alloro ai piedi della lapide posta all’ingresso del Comune e dedicata alle vittime civili di guerra

Quest’anno, per la prima volta, il primo febbraio si celebra la “Giornata Nazionale delle Vittime Civili delle guerre e dei conflitti nel mondo”, istituita lo scorso anno con Legge numero 9 del 25 gennaio “al fine di conservare la memoria delle vittime civili di tutte le guerre e di tutti i conflitti del mondo, nonché di promuovere, secondo i principi dell’articolo 11 della Costituzione, la cultura della pace e del ripudio della guerra”. La Provincia e i Comuni del territorio di Forlì-Cesena hanno deciso di celebrarla ufficialmente con una cerimonia congiunta che si terrà il 7 febbraio a Forlì. Ma intanto, a Cesena la ricorrenza è stata ricordata giovedì mattina con la deposizione - da parte dell’Associazione Nazionale Vittime Civili di Guerra Sezione di Forlì-Cesena - di una corona d’alloro ai piedi della lapide posta all’ingresso del Comune e dedicata alle vittime civili di guerra. Al momento commemorativo è intervenuto il Sindaco Paolo Lucchi. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bonaccini: "La regione torna 'gialla' da domenica. No al coprifuoco natalizio"

  • Ristoranti d'eccellenza: le stelle Michelin brillano ancora su Cesenatico

  • Positivo al tampone e in attesa dell'esito, trovato cadavere in casa

  • La Regione allenta le misure anti-Covid, la nuova ordinanza valida fino al 3 dicembre

  • Coronavirus, tornano a salire i contagi nel Cesenate. E si piangono altre vittime

  • Bonaccini: "La regione resta 'arancione' ma negozi riaperti già da domenica"

Torna su
CesenaToday è in caricamento