Il Papa sempre più vicino ai giovani: tantissimi bambini e scout per salutare Francesco

“Giovani, ascoltate gli anziani perchè solo così diventerete rivoluzionari”, questo messaggio di poche parole  Papa Francesco ha lasciato, uscendo dalla cattedrale, agli oltre ottocento ragazzi fra i quattro e i quattordici anni che assieme ai loro accompagnatori gremivano Piazza Giovanni Paolo II°.

“Giovani, ascoltate gli anziani perchè solo così diventerete rivoluzionari”, questo messaggio di poche parole  Papa Francesco ha lasciato, uscendo dalla cattedrale, agli oltre ottocento ragazzi fra i quattro e i quattordici anni che assieme ai loro accompagnatori gremivano Piazza Giovanni Paolo II°. Una visita lampo quella di Francesco in onore del trecentesimo anno della nascita del cesenate  Giovanni Braschi, divenuto  Papa con il nome di Pio VI°, che per difendere l'indipendenza e la dignità della chiesa cattolica nei confronti di Napoleone e delle idee illuministe morirà prigioniero dei francesi nel 1799 lontano da Roma. Un messaggio che indubbiamente farà discutere e che è strettamente collegato con i discorsi tenuti precedentemente in piazza del Popolo e all'interno della cattedrale.

IL PAPA IN PIAZZA DEL POPOLO: IL VIDEO (di Alessandra Salieri)

Dignità, onesta, fratellanza, amicizia e solidarietà nei confronti di tutti ascoltando soprattutto le parole degli anziani che non sono solo di supporto ai giovani, ma loro guide che indicano dove sono arrivati e tracciano le strade future da percorrere per le nuove generazioni. Una piazza Giovanni Paolo II° gremita da giovani, forse sarebbe meglio dire bambini,  delle parrocchie e scout tutti  accompagnati dai loro catechisti, capi e alcuni genitori, fra loro molti disabili e piccoli di varie etnie tutti accomunati per salutare la venuta del Pontefice verso il quale hanno intonato decine di volte “Francesco”.

Presente anche il coro “Alma Canta” che con il ritmo delle voci e dell'orchestra hanno animato l'attesa. La giornata per tutti è cominciata abbastanza presto, già poco prima delle cinque del mattino Angela e Francesco di Montiano sedevano sui gradini del Duomo nell'ingresso di via Garibaldi. “Una levataccia – ha detto Francesco – ma piacevole per poter vedere ed ascoltare in prima persona il Papa, infatti abbiamo la possibilità di essere fra quelli che possono entrare in cattedrale e, per dire, quasi poterlo toccare. Siamo venuti a quest'ora  per paura di fare la fila nei punti di ingresso e correre il rischio di restare fuori”. Alma e Marilena sono due sorelle di Forlì che sottolineano  come “Eravamo giovanissime trentuno anni fa per la visita di Papa Wojtyla, e non potevamo perdere il secondo pontefice in vista in Romagna. Pensiamo che sarà fatica vedere il terzo che verrà da queste parti”. Verso le sei sono cominciati ad affluire i bambini con i loro accompagnatori. Se qualcuno pensava di vederli assonnati si doveva ricredere, tutti vispi ed arzilli alzavano il loro pass da mostrare alle forze dell'ordine per  poter entrare nella piazza totalmente riservata a loro.

“Veniamo da Ronta -  dice un capo scout che accompagna un allegro gruppo di maschi e femmine delle scuole elementari – e la notte l'abbiamo passata al don Baronio per essere qui così presto e prendere  posto vicino alle transenne per vedere da vicino l'arrivo di Papa Francesco”. Ma mano che si avvicinava l'orario dell'arrivo del pontefice la piazza si riempiva lasciando però qualche spazio vuoto. Puntuale, secondo la tabella di marcia, Papa Francesco è arrivato un quarto alle nove sulla papamobile accolto dai saluti e dallo sventolare di tanti fazzoletti gialli. Si è avvicinato alle transenne ed ha sfiorato e mani tese dei piccoli e ha abbracciato e baciato alcuni bimbi meno fortunati. Entrando in cattedrale ha promesso che sarebbe tornato a parlare con loro. All'uscita, forse perchè si era intrattenuto troppo all'interno, ha salutato tutti i presenti invitando i giovani ad ascoltare gli anziani e poi in un continuo tripudio è risalito sulla papamobile per andare a prendere l'elicottero che l'avrebbe portato a Bologna dove concluderà la sua giornata pastorale.

SPECIALE PAPA

- Il pontefice parla in piazza del Popolo ai politici: "Ammettetelo quando sbagliate..."
- In Cattedrale si rivolge ai giovani: "Parlate agli anziani, sarete rivoluzionari"
- Tanti scout e bambini ad accogliere Bergoglio: centinaia di fazzoletti gialli
- LA DIRETTA: tutto il Papa a Cesena minuto per minuto

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Boom di nuovi casi, il virus raggiunge il picco nel Cesenate. Morta una donna

  • Ristoranti d'eccellenza: le stelle Michelin brillano ancora su Cesenatico

  • La Regione allenta le misure anti-Covid, la nuova ordinanza valida fino al 3 dicembre

  • Prima vittima del Covid nel comune, il sindaco: "Profonda tristezza e sconforto"

  • Bonaccini: "La regione resta 'arancione' ma negozi riaperti già da domenica"

  • "Siano riconosciuti gli esiti dei tamponi rapidi per lo stato di malattia dei lavoratori"

Torna su
CesenaToday è in caricamento