Cronaca

Il 'Libanese' gira uno short film all'Iper per aiutare il mondo dello spettacolo

Lo short-video insegue una mission speciale: sensibilizzare il grande pubblico italiano a tornare nei teatri, nelle sale cinematografiche e nei concerti

L’etichetta di “Romanzo Criminale” gli è rimasta appiccicata addosso perché la gente, quando lo incontra, non lo chiama Francesco bensì “Il libanese”. Un “tatuaggio” che lo gratifica fino ad un certo punto perché, dopo quel ruolo, Montanari ha girato altri film, serie tv e tanto altro. Ancora amareggiato per la fine del suo matrimonio con Andrea Delogu, il 37enne attore romano è stato il protagonista, nel tardo pomeriggio di sabato, all’Iper Rubicone di Savignano Mare, delle riprese di “Adda passà ‘a nuttata”, il cortometraggio diretto dal regista Enrico Maria Lamanna e prodotto dalla Twenty Three Pictures di Alessandro Pellegrini e dalla BG Management di Gianni Baldisserri. Lo short-video insegue una mission speciale: sensibilizzare il grande pubblico italiano a tornare nei teatri, nelle sale cinematografiche e nei concerti.

“Il problema del mondo dello spettacolo - spiega Francesco Montanari - è che, da sempre in Italia, cinema, teatro e televisione sono considerati degli ambiti superflui della società di cui si può tranquillamente fare a meno. Quindi è naturale che, in un momento di emergenza, si decida di fermare quei settori considerati non essenziali. Peccato che non si capisca che il nostro è un comparto produttivo come tanti altri che impegna migliaia di lavoratori e da cui dipendono tante famiglie italiane”. 

Il corto - realizzato grazie al supporto di Orogel, Gruppo Iper e del country-resort “Corte San Ruffillo” di Dovadola - annovera un cast d’eccezione che, proprio in virtù di una finalità così nobile, ha deciso di garantire la propria partecipazione in forma del tutto volontaristica: “Siamo qui per girare uno spot che aiuti a cambiare questa mentalità - ricorda l'attore - e a far capire alla gente che, quando di parla di mondo dello spettacolo, al di là dei personaggi più o meno famosi, si intendono anche tutte quelle maestranze del cinema, del teatro e della televisione che, per colpa dell’emergenza pandemica, hanno perso gran parte del loro lavoro”. 

Soddisfatto delle riprese il manager Gianni Baldisserri: “E’ molto bello che personaggi di questo calibro accettino di mettersi a disposizione, in forma volontaristica, per un progetto così nobile. E’ la dimostrazione che, nei momenti di difficoltà, i lavoratori dello spettacolo sanno fare squadra e costruire qualcosa di grande”. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il 'Libanese' gira uno short film all'Iper per aiutare il mondo dello spettacolo

CesenaToday è in caricamento