menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il dono in versi dei ragazzi della scuola “Giulio Cesare" all’Hospice di Savignano

“La poesia avrebbe dovuto far parte di uno spettacolo teatrale sulla libertà che ci sarebbe piaciuto rappresentare, come tutti gli anni, in compagnia di pazienti e operatori sanitari”

‘La libertà non ha un limite, ma bisogna saperla usare’. Inizia così la poesia scritta e donata  all’Hospice dagli alunni della seconda G della scuola secondaria di primo grado “Giulio Cesare “ di Savignano Sul Rubicone.  Non potendo questa’anno portare in scena alla Casa della Salute del Rubicone il loro tradizionale spettacolo dedicato ai malati, i ragazzi hanno deciso di far sentire comunque la loro vicinanza e solidarietà a tutti i pazienti e operatori della struttura.

“La poesia – racconta la professoressa Lorenza Mosconi  - avrebbe dovuto far parte di uno spettacolo teatrale sulla libertà che ci sarebbe piaciuto rappresentare, come tutti gli anni, in compagnia di pazienti e operatori sanitari”.E’ stata scritta da Mattia e apprezzata da tutti e 18 i suoi compagni di classe che hanno deciso ‘utilizzarla’ a nome di tutta la classe per essere, nell'unico modo possibile al momento, vicino ai malati, ai medici agli infermieri e a tutto il personale della struttura”.

Un grandissimo grazie da parte di tutti gli operatori dell’Hospice per questo gesto che denota una grande attenzione verso chi soffre.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Benessere

I 5 DPI più efficaci per contrastare il Covid-19

social

Una ricetta romagnola semplice e genuina: la spoja lorda

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento