Il dirigente del Commissariato Di Munno a "Chi l'ha visto?"

Di Munno è stato l'investigatore del caso di Isabella Noventa, per il cui omicidio i due principali accusati sono stati condannati a trent'anni di carcere

Il nuovo dirigente del Commissariato di Cesena Giorgio Di Munno mercoledì sera è apparso di nuovo su "Chi l'ha visto?", programma di Rai3 condotto da Federica Sciarelli che si occupa di persone scomparse e indagini insolute. Di Munno, infatti, è stato l'investigatore del caso di Isabella Noventa, per il cui omicidio i due principali accusati Freddy e Debora Sorgato sono stati condannati a trent'anni di carcere nel giugno scorso.

Di Munno, ex capo della Squadra Mobile di Padova, durante la trasmissione ha raccontato alcuni particolari degli interrogatori fatti a Freddy e Debora. "Quando ho letto della scomparsa di Isabella Noventa, donna di 55 anni che viveva con la madre anziana e che all'improvviso sembrava aver deciso di allontanarsi da casa, mi è subito sembrato molto strano. Mi ha colpito il fatto che Freddy Sorgato si definisse un uomo sfortunato e soprattutto l'appello che ha fatto durante un intervista, in cui si è tradito con un sorriso beffardo".

L'investigatore è riuscito poi a far confessare Debora. "E' scoppiata a piangere e ha iniziato a descriverci il suo programma: voleva sostituirsi alla Noventa. Quando poi abbiamo comunicato a Sorgato che era in stato di fermo, ci ha ringraziato. Chissà, forse una reazione emotiva".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Non si fermano i lutti, si piange un'altra vittima del virus. Positivi in lieve calo

  • Prima vittima del Covid nel comune, il sindaco: "Profonda tristezza e sconforto"

  • Covid, il bollettino: 92 nuovi positivi nel Cesenate nelle ultime 24 ore. Un altro morto nell'area del Rubicone

  • Scende l'indice Rt in regione ma salgono i positivi nel Cesenate. Si piange un'altra vittima

  • Medicina, moda e ricerca: le tre eccellenze cesenati per il premio Malatesta Novello

  • La regione verso il "giallo" ma Bonaccini avverte: "Dobbiamo evitare una terza ondata"

Torna su
CesenaToday è in caricamento